Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Notizie di viaggio
  • >
  • Un viaggio lungo un anno: un tour operator americano pensa a tutto

Ci vogliono 75mila dollari e 365 giorni a disposizione

Un viaggio lungo un anno: un tour operator americano pensa a tutto

di 
Barbara Gallucci
23 Novembre 2015
La partenza è prevista per il 3 febbraio 2016 da Bangkok e non mancano già alcuni iscritti. La proposta del tour operator americano Intrepid Travel sembra quasi uno scherzo, ma nella realtà l'offerta è interessante. Con un budget a disposizione di 75mila dollari (circa 68mila euro), i viaggiatori potranno fare il giro del mondo con aerei, spostamenti via terra, alberghi, attività varie e quasi tutti i pasti inclusi. In 365 giorni saranno 34 i timbri sul passaporto che i partecipanti si porteranno a casa. Un bel record che farà gola a molti.
 
 
DA BANGKOK A BUENOS AIRES
Il giro del mondo in 365 giorni parte dalla Thailandia e tra i tanti Paesi che attraversa ci sono il Vietnam e la Cambogia, l'Indonesia, la Cina, il Nepal, l'India, la Giordania e poi giù verso l'Africa con tappe al Cairo, a Nairobi, Città del Capo e Marrakesh da dove si vola fino ad Anchorage. Da qui si scende via terra lungo tutta la dorsale orientale del Canada e degli Usa fino a Città del Messico. La discesa prosegue poi per Quito e Buenos Aires tappa finale dell'anno in viaggio. Ma prima di tornare verso casa, qualunque essa sia, il viaggio prevede anche una trasferta fino in Antartide, punta di diamante di questa memorabile avventura.

Tra le sistemazioni previste non ci sono solo banali alberghi, ma anche il campeggio in Antartide e il soggiorno in una villa su un'isola del lago Titicaca. Mentre per gli spostamenti, oltre ad aereo e automobile, sono organizzati transfer in barca, autobus, treno, fuoristrada per i safari, cammelli e molto altro ancora. Questo viaggio può essere un sogno che diventa realtà per molti. Gli unici problemi possono essere recuperare la somma per partire e chiedere le ferie per un anno. E avere abbastanza pagine libere sul passaporto, ovviamente.