Scopri il mondo Touring

Anche il Tci sostiene il marchio per rendere l'Italia più accessibile

Turismo e disabilità, ecco la Bandiera lilla

15 Dicembre 2016

Anche il Touring Club Italiano sostiene Bandiera Lilla, il marchio che promuove e incentiva l’accesso al turismo per le persone con disabilità, premiando e supportando quei Comuni che prestano una particolare attenzione ai disabili e si attrezzano a questo scopo. L'iniziativa (e con essa la nuova edizione 2018/2019) è stata presentata ieri a Roma, con Simonetta Agnello Hornby a fare da madrina.
 
I DISABILI IN ITALIA
Qualche cifra per capire meglio di cosa stiamo parlando: i disabili italiani sono oltre 4,1 milioni nel 2014, pari al 6,7% della popolazione. La stima per il 2020 è di 4,8 milioni e per il 2040 di 6,7 milioni (dati e proiezioni CENSIS 2014). In Europa, invece, i disabili sono oltre 80 milioni, pari al 10,7% della popolazione (dati UE 2015).
 
Come ricordato dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione della giornata internazionale per i diritti delle persone disabili, "una maggiore sensibilità culturale si è sviluppata attorno al valore positivo delle diversità e alla necessità di rimuovere barriere - anche occulte - che condizionano ed escludono. Ma purtroppo tanti ostacoli devono ancora essere abbattuti: nella vita quotidiana, nelle strutture economiche e sociali, nei pregiudizi di chi si sottrae ai doveri di solidarietà".
 
 
CHE COS'È BANDIERA LILLA
Nata nel 2013 con l’obiettivo di coniugare il binomio turismo e disabilità utilizzando in chiave sociale il marketing turistico e i diritti della persona disabile, Bandiera Lilla si prefigge lo scopo di superare la situazione disomogenea dell'accessibilità turistica in Italia che colloca il nostro paese a livello medio/basso in confronto agli altriPpaesi europei.
 
Attraverso l’adesione delle Regioni al protocollo è possibile accedere alla valutazione per l'ottenimento del riconoscimento che sarà rilasciato ai Comuni che dimostrano una attenzione particolare verso il turismo disabile. Il riconoscimento costituisce naturalmente uno stimolo a migliorare l’esistente e a “fare rete” con le associazioni che si occupano di disabilità in vista di un obiettivo comune.
 
L'organizzazione provvede a indagare l'accessibilità delle strutture pubbliche comunali legate al turismo per le disabilità motorie, visive, uditive, di patologie e intolleranze alimentari. Parallelamente viene condotta un’indagine relativa alla diffusione delle informazioni sull’accessibilità rivolte alle strutture ricreative, museali, ai teatri, alle spiagge e alle attrezzature sciistiche.
 
LA SPERIMENTAZIONE
La prima fase di sperimentazione condotta nella Regione Liguria nel 2014/2015 ha portato alla consegna del riconoscimento a 10 Comuni e ha dimostrato che è possibile utilizzare questo strumento anche come rilancio dell’economia e incentivo all’accoglienza del turismo disabile. L'evoluzione della Bandiera Lilla è quindi la sua estensione a tutto il territorio nazionale; tra gli obiettivi, anche poter presentare al turismo disabile proveniente dall’estero un «pacchetto» di offerta completo, interessante, chiaro e facile da reperire.
 
I comuni finora premiati sono Castelnuovo Magra (SP); Celle Ligure (SV); Diano Marina (IM); Finale Ligure (SV); Imperia; La Spezia; Loano (SV); Noli (SV); Pietra Ligure (SV); Santa Margherita Ligure (GE).

INFORMAZIONI
Per tutte le informazioni, sito www.bandieralilla.it.