Scopri il mondo Touring

Traghetti: nel Mediterraneo è nato il code-sharing

di 
Renato Scialpi
19 Marzo 2010

Andare in vacanza in Sardegna con un cruise-ferry Genova-Olbia di Grandi Navi Veloci e tornare via Livorno con un traghetto di Corsica Sardinia Ferries. Il tutto con un unico biglietto. Da anni una banalità per il mondo del trasporto aereo, ma una prima assoluta per i servizi marittimi nel Mediterraneo. È la novità della stagione 2010, frutto di un accordo che prevede l’integrazione commerciale dell’offerta di servizi di traghetto da parte delle due grandi compagnie.


“Il nostro obiettivo? Offrire ai passeggeri una vasta scelta di collegamenti di qualità a tariffe convenienti e trasparenti. Così da creare un nuovo modello di viabilità nel Mediterraneo, efficace, efficiente e nel pieno rispetto dell’ambiente” Ariodante Valeri ed Euan Lonmon, direttori generali rispettivamente di Grandi Navi Veloci e Corsica Sardinia Ferries, non hanno avuto dubbi nel presentare la prima iniziativa di code-sharing tra compagnie armatoriali nel Mediterraneo.


Il risultato? Una rete di 27 linee (14 per Corsica Sardinia Ferries e 13 per Grandi Navi Veloci) che toccano sei Paesi (Italia, Francia, Spagna, Marocco, Tunisia e Malta) e le grandi isole del Mediterraneo facendo leva su una flotta di 25 traghetti di ultima generazione: 11 battenti la bandiera di Grandi Navi Veloci e 14 col logo del moro bendato di Corsica Sardinia Ferries sul fumaiolo. E l’obiettivo - dichiarato – di offrire al pubblico poco meno di 10mila corse/anno per una capacità complessiva dell’ordine di 18 milioni di passeggeri.


La partnership, ispirata a quelle già in atto tra numerose compagnie aeree, prevede che i due armatori continuino a mantenere marchi, flotte e reti commerciali distinte, puntando però a mettere a disposizione del passeggero finale le sinergie frutto del “lavoro di squadra”. Per fare un paio di esempi: esattamente come già avviene per gli aerei, in caso di mancato imbarco – non importa che si tratti di ritardi, overbooking o altro – i passeggeri potranno essere “riprotetti” sulla prima corsa disponibile della compagnia partner. Oppure sarà possibile accedere a tariffe superscontate che, con un unico biglietto, offriranno viaggi di andata e ritorno che sfruttano al meglio le disponibilità residue di posto di entrambe le compagnie.