Scopri il mondo Touring

Le regole minime per partire senza rischi

Salute in viaggio, ecco il passaporto

di 
Tino Mantarro
8 Luglio 2011

Tra i documenti da non dimenticare quando si parte per un viaggio c’è sempre il passaporto. Quello tradizionale, per i visti, e adesso anche quello medico. Il Simvim, la società italiana di medicina dei viaggi e della migrazioni, da anni realizza il passaporto della salute, un documento semplice e plurilingue (le 24 pagine sono in sette lingue: inglese, francese, tedesco, spagnolo, russo, arabo e cinese) che riporta le informazioni anagrafiche e sanitare del viaggiatore, oltre ai recapiti dei familiari da contattare in caso di necessità, il gruppo sanguineo, le vaccinazioni eseguite e le terapie in atto. Per avere il proprio passaporto basta andare in uno dei 120 centri di Medicina dei viaggi in Italia, i cui indirizzi si trovano facilmente sul sito del Simvim.


E sul sito citato si trovano anche tutte le informazioni sulla profilassi da seguire quando si va nelle zone a rischio malaria ed epatite, oltre a un elenco aggiornato delle destinazioni a rischio nel mondo. Ma si scoprono anche suggerimenti per organizzare la propria farmacia da viaggio e le dieci regole d’oro da seguire quando si parte per le vacanze e non si vogliono avere noie di salute facilmente evitabili. Consigli di buonsenso, come bere solo da bottiglie sigillate, evite di aggiungere ghiaccio, stare attenti nel consumare latticini non pastorizzati e verdure crude, che servono a evitare fastidi che finiscono per rovinare la vacanza.


Di un passaporto sanitario necessitano anche gli animali da compagnia che eventualmente uno decide di portarsi in viaggio. In questo caso a rilasciarlo è direttamente la divisione veterinaria dell’Azienda sanitaria locale: è obbligatorio per cani, gatti e furetti (per gli altri animali basta un certificato del veterinario) e una volta emesso dura per tutta la vita dell’animale.


È poi sempre bene ricordarsi di registrare i propri spostamenti, soprattutto se si decide di visitae aree non troppo battute dal turismo o instabili politicamente. Per farlo basta andare sul sito del ministero degli Affari Esteri, www.viaggiaresicuri.it, sempre aggiornato con gli avvisi sulla situazione sanitaria e politica dei diversi Paesi.


Per finire, un buon vademecum che raccoglie tutte queste informazione e fornisce decine di altri suggerimenti è il libricino Passaporto salute di Touring editore, realizzato in collaborazione con la società italiana di medicina generale che riunisce i medici di famiglia. Sette capitoli e 256 pagine per viaggiare senza rischi in tutto il mondo.