Scopri il mondo Touring

Riparte il bikesharing di Roma, sconti per chi acquista le biciclette pieghevoli

Roma e Lazio, buone notizie per chi va in bici

di 
Tino Mantarro
3 Marzo 2016

Qualcosa si muove, a Roma e nel Lazio. E si muove nel senso di una mobilità sempre più sostenibile e attenta a favorire chi sceglie di lasciare a casa l’auto e servizi dei mezzi pubblici e della bicicletta.
 

A ROMA TORNA IL BIKESHARING
Così in pochi giorni da Roma arrivano due belle notizie. La prima è che dopo un empasse durata diversi anni e nonostante uno stanziamento di oltre 1,5 milioni di euro, riparte il servizio di Bikesharing della Capitale. E lo fa in grande stile: 80 stazioni e 800 biciclette. Merito dell’accordo siglato tra AIPE (Associazione Imprese Pubblicità Esterne) e Clear Channel, la stessa che cura ì il servizio a Milano e Verona.

Bikesharing in cambio di spazi pubblicitari è la filosofia di base: a Milano sta funzionando bene. A Roma è una nuova sfida, ma peggio della falsa partenza del 2010, quando nel centro città vennero posizionate 20 stazioni e 200 biciclette che vennero ben presto abbandonate è difficile fare, speriamo.
 

BICI PIEGHEVOLI CON LO SCONTO
Ma che l’aria stia cambiando, complice il successo del progetto Grab sostenuto anche dal Touring Club Italiano, lo si capisce anche dall’accordo appena approvato dalla Regione Lazio. In un decreto che provvedeva a rifinanziare cospicue agevolazioni per chi acquista gli abbonamenti annuali del mezzi pubblici (fino al 30% per chi ha un reddito Isee inferiore ai 25mila euro, che può arrivare al 50% per i più bisognosi) è stata introdotta anche una agevolazione per invogliare all’acquisto della biciclette pieghevoli.

Sulla scorta di quanto già avviene in Toscana, a chi sottoscriverà infatti l’abbonamento annuale per il trasporto pubblico la Regione offrirà un incentivo di 150 euro per comprare una bicicletta pieghevole. Bici per cui sui mezzi della Regione Lazio non si paga il supplemento invece previsto per le biciclette tradizionali, per cui però dal prossimo anno dovrebbe arrivare uno sconto. Una buona idea per stimolare sempre più l’integrazione bici+mezzi pubblici, favorendo gli spostamenti urbani puliti. Qualcosa si muove ed è sostenibile.