Scopri il mondo Touring

Due convegni e una mostra tra Varallo e Biella

Quintino Sella e la scoperta delle Alpi

di 
Piero Carlesi
11 Settembre 2013

Il 15 settembre a Biella, presso la sala espositiva della Fondazione Sella si inaugura alle ore 12.30 la mostra “Le montagne di Quintino Sella. Dall’ingegnere e geologo all’alpinista”. Curata da Lodovico Sella e dal Pietro Crivellaro, la mostra è l'atto conclusivo della due giorni “Come nacque l'alpinismo (1786-1874)” dedicata al tema dell'esplorazione delle Alpi e della fondazione dei club alpini e realizzata in occasione dei 150 anni di fondazione del Cai che ha visto tra il 14 e il 15 settembre l'organizzazione di due importanti eventi.



Il primo convegno, organizzato dalla sezione di Varallo del Club Alpino (www.caivarallo.it), si svolge il 14 settembre al palazzo dei Musei di Varallo Sesia (via don Pietro Calderini 25) a partire dalle ore 10 e vede la partecipazione di una dozzina di relatori tra cui gli studiosi Marco Ferrazza e Marco Aime (quest'ultimo anche consigliere del Tci), Daniel Anker (svizzero, giornalista e autore di guide alpine), lo storico Andrea Zannini e lo scrittore Teresio Valsesia. Si parlerà dei naturalisti alla scoperta delle Alpi nel Settecento, della nascita dell'alpinismo in Valsesia, in Valle d'Aosta, nell'allora Tirolo meridionale (Trentino), nell'area dolomitica e in Francia e in Svizzera.



Il secondo appuntamento, in programma il 15 settembre a Biella, alle ore 10.15 presso l'auditorium di Banca Sella (via Corradino Sella 6) ripercorre attraverso una tavola rotonda curata da Pietro Crivellaro e Riccardo Cerri le vicende legate alla nascita dell'alpinismo, con la partecipazione di tutti i relatori del convegno di Varallo del giorno precedente (www.caibiella.it). Al termine, come si accennava all'inizio, inaugurazione della mostra e, alle ore 14, una visita guidata al patrimonio documentario della Fondazione Sella e al Museo Vittorio Sella a S. Gerolamo.