Scopri il mondo Touring

La mostra fotografica a Milano fino al 31 gennaio 2014

Quelle “Storie” di Nicolini che ritraggono il cambiamento

di 
Marco Lovisco
4 Dicembre 2013

Le fotografie di Toni Nicolini raccontano storie. Sono istantanee capaci di catturare l'anima del mutamento avvenuto in Italia negli anni Sessanta. Quella che racconta Nicolini è la storia di un Paese diviso tra i caschetti biondi e le serate chic della “swinging Milano”, le atmosfere di feste che sembrano venir fuori da un film di Fellini (una Dolce Vita casereccia, con lo spumante al posto dello champagne) e le campagne assolate del Sud Italia, con le sue abitazioni dalle mura spoglie e la ferma determinazione degli uomini in marcia per far valere i propri diritti. Le foto di Nicolini però raccontano anche un'altra storia, quella del suo intenso rapporto artistico e umano col pittore Enrico Treccani. Sono testimonianze dei loro viaggi nel sud Italia nei primi anni Sessanta e della loro attività volta alla creazione e allo sviluppo della fondazione Corrente, sorta nel 1978. Tutto questo è raccontato in “Toni Nicolini. Storie”, mostra e ciclo di incontri dedicati a Toni Nicolini (1935 - 2012) promossi dalla fondazione Corrente e dall'associazione culturale Azibul Traversate fotografiche, presso la sede della fondazione Corrente, in via Carlo Porta a Milano, fino al 31 gennaio 2014. Una mostra, tre conferenze presso la Fondazione ma non solo, il ricordo dell'artista si sviluppa anche in altre sedi, attraverso un'altra mostra fotografica, “Toni Nicolini. Passione e Ironia”, presso la galleria Bel Vedere a Milano e due visite guidate a Palazzo Lombardia, per ammirare le collezioni di Nicolini conservate al museo Verticale della Regione.

 

NICOLINI E IL TOURING. Toni Nicolini con la sua tecnica e il suo occhio ha provato a fondere le conoscenze scientifiche con la cultura umanistica attraverso la fotografia, mezzo per descrivere i mutamenti sociali sotto forma di racconti. Nicolini è un fotografo di reportage, come quelli realizzati per il Touring Club Italiano dal 1974 al 1981 per la collana “Attraverso l'Europa”, o in quella successiva “Attraverso l'Italia”, pubblicata nel 1990. La sua ultima collaborazione col Touring è del 1994, con il volume “Architetture nel Milanese, 1860-1990”. Proprio la collaborazione con il Touring sarà l'argomento della conferenza che si terrà giovedì 16 gennaio alle 18 presso la fondazione Corrente. A coordinare il dibattito Adriano Agnati, storico direttore editoriale del Touring Club Italiano, tra i relatori Elisabetta Porro, redattore Touring che a lungo collaborò con Nicolini. Chiude il ciclo di conferenze, l'incontro “Viaggi nel Sud tra esplorazione e conoscenze” di venerdì 31 gennaio.

 

Info: www.fondazionecorrente.it.

 

LA MOSTRA "TONI NICOLINI.STORIE". Inaugurata il 3 dicembre, sottolinea il profondo rapporto che ha legato Nicolini all'amico e pittore Enrico Treccani, fotografato nel suo atelier in via Turati a Milano, o intento a ritrarre una donna di fronte ad alcuni bambini incuriositi, durante il suo viaggio in Calabria, nel piccolissimo paese di Melissa, tristemente noto perché tre dei suoi cittadini erano stati uccisi nel corso delle proteste culminate con l'occupazione delle terre incolte. È il viaggio uno dei temi che legano Nicolini a Treccani, quello in Calabria del 1963 e quello in Sicilia del 1967, raccontati attraverso significativi scatti in bianco e nero, così come in bianco e nero sono le foto che raccontano la nascita della fondazione a lui intitolata e le sue attività.

 

Ampio spazio del percorso espositivo è dedicato ai pannelli, vere e proprie storie che raccolgono una serie di scatti uniti da un titolo che ne fornisce una chiave di lettura. Questi pannelli, realizzati con l'associazione Azibul nel 2009, costituiscono una riflessione di Nicolini sul proprio lavoro, sulle proprie opere, riviste a distanza di anni. Particolarmente interessante è il confronto tra il pannello “Borsa Valori, 1967” e “Marcia per una Sicilia nuova, 1967”, due reportage che raccontano due mondi assolutamente diversi negli anni del boom economico che, teoricamente, avrebbe dovuto investire l'intera nazione. Interessante l'ironia e il gioco con cui Nicolini ha descritto il suo anno prestato allo Stato nel pannello “Servizio militare, 1962”.

 

Chiude il percorso espositivo il video “Toni Nicolini. 1966. Ballo di carnevale a Mortara”, di Pietro Bologna e Cristina De Vecchi: una serie di istantanee che raccontano un'Italia allegra, che vive la “Dolce Vita” ma preferisce lo spumante al Moet & Chandon.

 

Info: dal 3 dicembre 2013 al 31 gennaio 2014, presso fondazione Corrente Onlus, via Carlo Porta 5, Milano. (Ingresso libero. Scuole e gruppi su appuntamento);

orari: martedì, mercoledì, giovedì 9-12/15-18:30; venerdì 15-18:30.

 

www.fondazionecorrente.it.

 

LA MOSTRA “TONI NICOLINI. PASSIONE E IRONIA”. Apre giovedì 5 dicembre presso la Galleria Bel Vedere: a cura di Cesare Colombo, è una retrospettiva sull'intera carriera del fotografo Nicolini. Una mostra antologica che attraverso le opere, racconta la vita dell'autore, dai suoi primi viaggi nel Sud Italia alla amicizia con Treccani, fino alla sua significativa collaborazione per i libri fotografici del Touring Club Italiano.

 

Info: dal 6 al 21 dicembre 2013 e dal 7 al 18 gennaio 2014, presso la galleria Bel Vedere, in via Santa Maria Valle 5, Milano. (Ingresso libero),

orari: da martedì a sabato 15-19.

 

www.belvederefoto.it