Scopri il mondo Touring

Le località di mare più belle della Sardegna secondo la guida realizzata da Tci e Legambiente

Qual è il mare più bello della Sardegna?

di 
Luca Bonora
1 Giugno 2017
Il mare più bello della Sardegna? Facile, basta consultare l’edizione 2017 di "Il mare più bello", la guida alla vacanze di qualità sulle coste dei mari e laghi italiani di Legambiente e Touring Club Italiano.
In questa edizione le cinque vele - assegnate ai luoghi che hanno puntato sulla buona gestione del territorio, su servizi d’eccellenza, sulla manutenzione dei centri storici - sventolano in 15 comprensori marini (per saperne di più, leggi la notizia della presentazione della guida; oppure clicca qui per acquistarla online).
 
Quest’anno infatti sono cambiate le modalità di valutazione delle località costiere: non più una classifica che assegna le vele ai singoli Comuni, ma un riconoscimento all’intero comprensorio turistico, ovvero a un territorio più ampio che coinvolge più amministrazioni comunali. «Abbiamo pensato – spiega nell’introduzione alla guida Sebastiano Venneri, responsabile mare di Legambiente – che chi va in vacanza difficilmente si ferma davanti ai confini amministrativi: una vacanza si sviluppa su un area più ampia”. I Comuni della guida sono così presentati all’interno di comprensori turistici, individuati sulla base delle caratteristiche geografiche e/o su collaborazioni turistiche e promozionali di lunga data.
La guida descrive 43 comprensori su un totale di 90: è quindi una selezione del meglio delle nostre coste, da nord a sud. Senza dimenticare i laghi, anche quest’anno presenti in una sezione speciale della guida.
 
La spiaggia di Domus de Maria (Cagliari) 
 
LE LOCALITÀ TOP DELLA REGIONE TOP
A guidare la classifica dei comprensori turistici a cinque vele è il Litorale di Chia (nel sud della Sardegna), seguito dalla Maremma Toscana e dalla Baronia di Posada e Parco di Tepilora (in provincia di Nuoro sulla costa occidentale della Sardegna). Già il podio nazionale della guida dà l’idea dell’eccellenza del mare sardo, che vanta 5 comprensori e ben 9 località a 5 vele.
 
LITORALE DI CHIA (CA) - Il comprensorio coincide con il territorio di Domus De Maria. Parzialmente interessato dal Parco naturale regionale di Gutturu Mannu. In località Chia il Comune ha difeso il sistema imponente delle dune di retrospiaggia realizzando interventi per la delimitazione e la ricostituzione naturale della duna. Continuano gli scavi a Bithia con la prospettiva della visitabilità del sito archeologico fenicio-punico e si rafforzano le azioni di tutela del patrimonio archeologico costiero portato alla luce dalla recenti mareggiate. È stato attivato il Centro di Educazione Ambientale “Acqua Durci” con funzione informativa sulla corretta fruizione del territorio.
 
BARONIA DI POSADA E PARCO DI TEPILORA (NU) - Si compone dei territori di Siniscola e Posada, contraddistinti dalla presenza di ampie zone umide retrodunali e da un lungo litorale sabbioso che delimita l'articolata foce a delta del Rio Posada. A Posada è attivo un servizio di bike sharing comunale ed è stato recentemente finanziato un sistema di mobilità sostenibile incentrato sul rafforzamento della mobilità ciclabile e sull'introduzione di mezzi elettrici sostitutivi delle auto. Il Comune ha recuperato al patrimonio pubblico il Monte Orvile, affidandolo all'Ente Foreste che prosegue negli interventi di riforestazione. Il parco di Tepilora è stato inoltre recentemente riconosciuto come Riserva della Biosfera dall’Unesco.
 
Cala Mariolu, nel territorio di Baunei (Ogliastra)
 
LITORALE DI BAUNEI (OG) - Noto per gli incredibili paesaggi di una costa tra le più suggestive della Sardegna, il comprensorio, che coincide con il territorio di Baunei, offre percorsi naturalistici unici nel Mediterraneo che consentono il raggiungimento in sicurezza, via terra, di cala Goloritzè, Ispuligidenie (cala Mariolu), cala Biriola, cala Sisine e cala Luna. Presso la spiaggia di Ispuligidenie è stato installato un pontile amovibile come unico punto di attracco al fine di regolare gli accessi e contingentare le presenze a tutela del delicato ecosistema. Nella marina di Baunei-Santa Maria Navarrese la mobilità a servizio del porto è garantita dall'uso di bici e veicoli elettrici alimentati con energia solare ed è a disposizione dei turisti un servizio di bike sharing comunale.
 
PLANARGIA (OR) - Rappresentato lungo il litorale dal territorio di Bosa, il comprensorio è segnato dalla presenza di uno dei borghi fluviali tra i più affascinanti - quello di Bosa - che aderisce alla rete dei Borghi più belli d’Italia. Bosa vanta un impegno sul fronte della salvaguardia dei valori ambientali del vasto e imponente sistema costiero che per 30 km si sviluppa fino ad Alghero e di studio e tutela della biodiversità: in partenariato con l'Università di Sassari il Comune realizza una campagna di monitoraggio dei cetacei con giornate di informazione e divulgazione e sempre con l'Università, la Regione e il Corpo forestale effettua studi e mette in atto azioni di salvaguardia dell’habitat dei grifoni e di informazione per cittadini e turisti.
 
COSTA NORD ORIENTALE DELLA GALLURA E PARCO NAZIONALE DELL'ARCIPELAGO DELLA MADDALENA (OT) - I quattro Comuni rappresentano un sistema turistico fortemente integrato che ha il suo fulcro nell’arcipelago di La Maddalena. Il sistema delle aree protette, che già conta sulla presenza del Parco nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena, si arricchisce dell'Area marina protetta di Capo Testa-Punta Falcone, il cui iter è prossimo alla conclusione. Sempre a Santa Teresa di Gallura, tra maggio e agosto si snoda un programma ricco e integrato di varie iniziative che ruotano intorno al tema della conoscenza e del rispetto dell'ambiente costiero. Molto interessanti le azioni di efficientamento del sistema della mobilità, dalla realizzazione di parcheggi decentrati alle azioni di incentivazione degli spostamenti a piedi funzionali alla riduzione del traffico, alla riduzione del numero di auto in sosta e alla scoperta dei caratteri di autenticità del centro abitato e del territorio rurale.
 
Di questi comprensori, come di tutti quelli segnalati, la guida indica le spiagge più belle e le iniziative per l’estate, i consigli di un esperto del territorio per scoprire alcune chicche, una selezione di strutture dove dormire e mangiare. In molti casi, poi, propone anche itinerari di visita nell'entroterra.
 
Cala Santa Lucia a Siniscola (Nuoro)

LE 10 MIGLIORI LOCALITA' DI MARE DELLA SARDEGNA 
secondo la guida Il mare più bello 2017 Tci-Legambiente
 
1. Domus de Maria (Litorale di Chia, costa Sud)
2. Posada (Baronia di Posada e Parco di Tepilora, costa Est)
3. Baunei (Baunei, costa Est)
4. Santa Teresa di Gallura (Gallura e arcipelago della Maddalena, costa Nord)
5. Bosa (Planargia, costa Ovest)
 
6. Siniscola (Baronia di Posada e Parco di Tepilora, costa Est)
7. La Maddalena (Gallura e arcipelago della Maddalena, costa Nord)
8. Palau (Gallura e arcipelago della Maddalena, costa Nord)
9. Arzachena (Gallura e arcipelago della Maddalena, costa Nord)
 
 
 
COME ACQUISTARE LA GUIDA
La guida “Il mare più bello”, edita dal Touring Club Italiano e realizzata in collaborazione con il Credito Cooperativo, è in vendita a 19.90 euro; sconti per i soci Touring e per chi compra online su questa pagina!
 
Se poi cerchi informazioni specifiche su questa regione, puoi scaricare la app gratuita dedicata per Apple e Android, versione digitale delle guide verdi Tci. La trovi a questo link.



“Il Mare più bello” è anche social. Per informazioni aggiornate, eventi, approfondimenti e per partecipare alla community seguici sulla pagina facebook ufficiale: facebook.com/ilmarepiubello