Scopri il mondo Touring

Come cambia il controllo passaporti per entrare nel Paese

Nuove regole per viaggiare negli Usa

di 
Barbara Gallucci
29 Novembre 2016

Da una parte alcune procedure diventano più semplici, dall'altra aumentano i controlli. Per l'ingresso negli Stati Uniti sono cambiate alcune regole che è utile sapere prima di prenotare un volo. Non è conseguenza dell'elezione di Donald Trump quanto piuttosto di un intensificarsi delle norme di sicurezza dopo gli attentati in Europa di Parigi e Bruxelles.

I CONTROLLI NEGLI AEROPORTI ITALIANI
La buona notizia è che gli aeroporti italiani di Malpensa e Fiumicino sono statI selezionati tra gli 11 scali nel mondo idonei a effettuare le operazioni di controllo cosiddette “pre clearance”.

In sintesi, chi vola negli Usa effettua i controlli dell'immigrazione già prima di decollare e considerate le interminabili code dei principali aeroporti americani è un bel vantaggio. Non si rischia così nemmeno, in caso di problemi, di fare un doppio volo a vuoto.
 

VIAGGI NEI PAESI PERICOLOSI
Il rovescio della medaglia è che si sono strette le maglie dei controlli per chi ha viaggiato dopo il 2011 in alcuni Paesi considerati pericolosi dagli Stati Uniti. Abitualmente per viaggiare a scopo di turismo negli Usa basta compilare on line il modulo Esta e pagare 14 dollari con carta di credito.

Ora chi ha visitato, come molti nostri soci, dopo il 1° marzo 2011, l'Iran (ma anche Iraq, Sudan e Siria) deve richiedere prima di partire il visto presso il consolato o l'ambasciata americana in Italia al costo di 160 dollari e poi passare anche attraverso un colloquio personale. Ci sono delle deroghe ovviamente per chi ha viaggiato in quei Paesi per conto di organizzazioni internazionali, governi, Organizzazioni non governative, giornalisti e per persone che in quei Paesi vanno per affari.
 
INFORMAZIONI
Ufficio Esta in Italia: tel. 06.46742550; http://travel.state.govhttps://esta.cbp.dhs.gov/esta.