Scopri il mondo Touring

Non passa(n)te per Mestre

di 
Piero Carlesi
4 Agosto 2009

 


Lo scorso sabato 1° agosto, giornata da bollino nero per il traffico, si è verificato l'inimmaginabile: la débâcle del nuovo passante di Mestre, con 30 chilometri di coda.


C'era da immaginarlo? I pessimisti dicono ora che era prevedibile, anche se in realtà alla sua inaugurazione molti avevano sbandierato la tesi che con il nuovo passante ogni problema a Mestre era stato finalmente risolto. Definitivamente.


La nuova arteria finora aveva dato ottima prova di sé, ma certo la data del 1° agosto, un sabato coincidente con il primo giorno del mese ha fatto sì che più cause concomitanti abbiano determinato le code chilometriche. Oltre centomila auto si sono in effetti riversate sul Nordest, ma non è da addossare tanto al nuovo passante la colpa dell'ingorgo, ma al mancato assorbimento del traffico oltre Venezia, sulla A4 verso Udine-Trieste. All'altezza di Quarto d'Altino si chiedeva all'A4 di sole due corsie di assorbire il traffico proveniente da cinque corsie: le tre del passante e le due tradizionali di Mestre. Un'impresa impossibile.


Ora ci si domanda che fare e soprattutto ci si chiede se lo scenario si ripeterà sabato 8 agosto, altra giornata nera per il traffico in tutta Italia.


C'è già chi auspica l'ampliamento della terza corsia sulla A4 oltre Mestre verso Trieste, opera peraltro in progetto, ma di là da venire. Ma ciò significherebbe comunque ridurre il traffico da cinque corsie a tre. Meglio che da cinque a due. Ma... sufficiente a evitare disastri in giornate campali?


Soluzioni immediate e alternative? Il Tci da sempre auspica partenze scaglionate, periodi di ferie alternativi, in altri mesi dell'anno. Talvolta basta rimandare di un giorno la partenza per evitare guai. Piuttosto si posticipa il rientro.


Il consiglio è quindi di evitare di mettersi in viaggio l'8 agosto. Chi lo fa sappia a che cosa va incontro. Se la vacanza deve essere un periodo per lasciarsi alle spalle lo stress e ricaricarsi per affrontare al meglio una nuova stagione è opportuno partire con il piede giusto: con un viaggio più tranquillo e in sicurezza anche se posticipato di un giorno.


Per informazioni sul traffico si vedano i siti di Autostrade per l'Italia, dell'Anas e per il passante di Mestre delle Autovie venete.