Scopri il mondo Touring

Da Leonardo ai contemporanei: arte, pittura, fotografia

Le mostre da non perdere a Roma ad aprile e maggio

di 
Luca Bonora e Stefano Brambilla
12 Aprile 2017
 
Non sapete orientarvi tra le innumerevoli proposte culturali di Roma e dintorni? Ecco i nostri suggerimenti per il mese in corso, tutte grandi mostre, spesso scontate per i soci Tci.
 
Le trovate nella nostra sezione eventi (dove potete cercarle, in tutta Italia, selezionando la località che vi interessa e il periodo). L'ordine in cui ve le proponiamo è cronologico, dalla prima a chiudere fino a quelle che proseguono anche nelle settimane successive.

1. Leonardo e il volo
Musei Capitolini (piazza del Campidoglio 1), fino al 17 aprile
Per chi: vuole toccare con mano gli appunti del genio
 
Protagonista della mostra è uno degli studi più affascinanti del genio vinciamo: il Codice sul volo degli uccelli, che fu poi punto di partenza per la realizzazione delle sue celebri macchine volanti. Oggi il quaderno in cui Leonardo da Vinci annotò i suoi studi, protetto da una speciale teca climatizzata, è sfogliabile virtualmente grazie a un’allestimento ad alta tecnologia. La mostra ai Musei Capitolini permette inoltre immergersi in 3D tra i prototipi delle macchine volanti leonardesche.

Biglietto ridotto per i soci Tci. 
 

2. Anish Kapoor
Macro-Museo d’Arte Contemporanea di Roma (sede di via Nizza), fino al 17 aprile
Per chi: ama l’eclettismo contemporaneo
 
L’artista di orgine indiana, ma inglese d’adozione, investiga le dinamiche di materiali diversi e estremizza il potere delle metafore. I suoi segni architettonici e artistici sono diventati punto di riferimento e simboli in numerose città a partire dalla celeberrima Cloud Gate di Chicago, scultura a forma di fagiolo a specchio. Le opere di Anish Kapoor riescono a essere monumentali e intime, cupe e solari, impongono la riflessione, ma anche il gioco e il dialogo con il pubblico. La mostra romana, curata da Mario Codognato, è un viaggio tra lavori del passato, ma anche molte nuovissime creazioni che dimostrano la costante vitalità creativa di uno dei massimi artisti britannici.

Biglietto ridotto per i soci Tci. 
 

3. Letizia Battaglia. Per pura passione
Maxxi, Museo delle arti del XXI secolo (via Guido Reni), fino al 17 aprile
Per chi: cerca la fotografia storica e sociale
 
Una  grande mostra antologica sull’artista siciliana, famosa in tutto il mondo per le sue foto di mafia. Oltre 200 scatti, provini e vintage print inediti provenienti dall’archivio storico della grande fotografa, insieme a riviste, pubblicazioni, film e interviste, che testimoniano 40 anni di vita e società italiana, in particolare della Sicilia. Dalle proteste di piazza a Milano negli anni Settanta al volto di Pier Paolo Pasolini, dai tanti morti per mafia, alle processioni religiose, lo scempio delle coste siciliane, i volti di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, fino al feroce boss Leoluca Bagarella, in ogni scatto emerge, potente, l’intensità che caratterizza tutto il lavoro della fotografa oggi ottantenne.
 
Biglietto ridotto per i soci Tci da lunedì a venerdì.
 


4. Tre Civette Sul Comò. CivettArte
Casina delle Civette – Musei di Villa Torlonia, fino al 30 aprile
Per chi: ama le signore della notte
 
La Casina delle Civette di Roma, splendido esempio di stile liberty, ospita per la prima volta una mostra dedicata al magico volatile notturno attraverso un percorso di 67 opere realizzate quasi tutte per l’occasione da altrettanti artisti provenienti da varie parti del mondo. Non solo dipinti e sculture, ma anche ventagli, aquiloni, gioielli, monopattini, ricami, libri d’artista, video, abiti, cappelli, burattini, intessono un dialogo continuo con gli esuberanti elementi decorativi dell’edificio che ospita il Museo della vetrata Liberty e che deve il suo nome proprio alle celebri vetrate di Duilio Cambellotti dedicate alle civette.

Ingresso ridotto per i soci Tci. 
 

5. Daniele da Volterra. I dipinti d’Elci
Galleria Corsini (via della Lungara 10), fino al 7 maggio 2017
Per: riscoprire un maestro del Rinascimento
 
Riscoprire un grande maestro del rinascimento, l’artista più vicino a Michelangelo nella sua esperienza creativa e umana, del quale si sono conservati pochissimi dipinti.
La Galleria Corsini espone l’Elia nel deserto e la Madonna con il Bambino, San Giovannino e Santa Barbara di Daniele da Volterra. I due capolavori da più di un secolo appartengono all’antica collezione senese Pannocchieschi d’Elci e sono quindi raramente esposti. I dipinti furono realizzati a Roma al tempo di papa Paolo III Farnese (1534-1549) e sono il riflesso del determinante impatto che ebbero su Daniele da Volterra il Giudizio finale di Michelangelo e le sue ultime e più drammatiche opere.
 

6. Vivian Meier. Una fotografa ritrovata
Museo di Roma in Trastevere, fino al 18 giugno 2017
Per chi: si meraviglia davanti al quotidiano
 
Tata di mestiere, fotografa per vocazione. Vivian Maier ritraeva compulsamente con la sua Rolleiflex le città dove aveva vissuto, New York e Chicago, con uno sguardo curioso e sensibile, attratto da piccoli dettagli, dalle imperfezioni. Immagini potenti, di una folgorante bellezza che realizzò senza mai farle vedere a nessuno, mai esposte mentre era in vita e scoperte nel 2007 da John Maloof, agente immobiliare. Al suo straordinario ed enigmatico lavoro è dedicata la mostra Vivian Maier. Una fotografa ritrovata, con 120 fotografie in bianco e nero realizzate tra gli anni Cinquanta e Sessanta insieme a una selezione di immagini a colori degli anni Settanta, oltre ad alcuni filmati in super 8 che mostrano come si avvicinasse ai suoi soggetti.
 
Biglietto ridotto per i soci Tci. 
 
 
7. Georg Baselitz. Gli eroi
Palazzo delle Esposizioni (via Nazionale 194), fino al 18 giugno 2017
Per chi: apprezza la fragilità dell’uomo
 
Soldati, Pastori, Ribelli, Partigiani, Pittori, Pittori moderni, Rossi, Bianchi sono gli Eroi e i Nuovi tipi dipinti da Georg Baselitz tra il 1965 e il 1966 in completa solitudine, immerso in un vero e proprio furore espressivo. Per la prima volta una grande mostra monografica riunisce un cospicuo numero di questi dipinti, considerati una pietra miliare dell’arte contemporanea.
Cresciuto nella Germania dell’Est e trasferitosi nella Germania Ovest prima della costruzione del Muro di Berlino, l’artista lavorò a questo ciclo a 27enne, appena tornato da Firenze. I dipinti offrono una figura del tutto inedita di eroe: in contrasto con l’immagine positiva legata alla retorica e alla propaganda bellica e postbellica, gli Eroi di Baselitz mostrano fragilità, precarietà, contraddittorietà. In mostra anche una selezione di opere del 2005 che costituiscono una rilettura della serie, quarant’anni dopo.

Biglietto ridotto per i soci Tci. 
 

8. Giovanni Boldini
Vittoriano, Ala Brasini, via di San Pietro in Carcere, fino al 16 luglio 2017
Per chi: sogna le dame della Belle Époque
 
Una delle più ricche e spettacolari antologiche degli ultimi decenni: in mostra al Vittoriano oltre 250 opere, provenienti dai maggiori musei e collezioni private di tutto il mondo, olii e pastelli tra i più significativi dell’artista ferrarese, esponente di spicco della Belle Époque, e di altri artisti a lui contemporanei. L’esposizione ricostruisce passo dopo passo il percorso artistico del maestro italo-francese che, anticipatore della modernità novecentesca, nelle sue opere ha esaltato la bellezza femminile, svelando l’anima più intima e misteriosa delle nobili dame dell’epoca. In mostra anche la grande tela del Ritratto di Donna Franca Florio, capolavoro simbolo della Belle Époque e della Palermo felicissima.
 

9. I Fori dopo i Fori. La vita quotidiana nell'area dei Fori Imperiali dopo l'Antichità
Mercati di Traiano, fino al 10 settembre 2017
Per chi: è appassionato di stratigrafia
 
Il più grande “cantiere moderno dell’antichità”. L'area in cui sorgevano i Fori Imperiali a Roma - oggetto di un’attività di scavo, studio e ricerca straordinariamente intensa nel corso del tempo - è stata abitata anche nel periodo medievale e moderno: un contesto storico sicuramente meno noto al grande pubblico rispetto a quello classico, ma comunque molto interessante, anche per il susseguirsi di epoche e stili in uno stesso luogo, strato sopra strato, livello sopra livello. In mostra ai Mercati di Traiano, dunque, molti reperti, alcuni mai esposti al pubblico - tra cui ceramiche, sculture, monete, oggetti devozionali e di uso quotidiano - che raccontano la vita quotidiana nei Fori dopo l’antichità. 

Ingresso ridotto per i soci Tci. 




MONDO TOURING
- Scopri i nostri consigli su dove dormire e dove mangiareRoma!
- Tutte le informazioni su Roma nella nostra Guida Verde dedicata, da comprare online a prezzi scontati!
 
 
 
 
Vuoi dormire a Roma? Ecco le strutture che abbiamo selezionato per te!
119105
105581
122568