Scopri il mondo Touring

Dal 19 settembre al 5 novembre

La spiritualità nel Cuneese tra musica e cultura

di 
Piero Carlesi
19 Settembre 2013

Il 19 settembre ha inizio con vari appuntamenti nella provincia di Cuneo l'ottava edizione dell'evento La Santità sconosciuta. La rassegna, che vede la partecipazione di artisti di livello internazionale (basti il nome di Uto Ughi...) è diretta da Ivan e Natascia Chiarlo, musicisti e fondatori dell'Associazione Arturo Toscanini di Savigliano che da decenni si occupa di promozione della cultura. L' edizione di quest'anno, che si conclude il 5 novembre, ha in calendario musica, convegni, approfondimenti, spettacoli e formazione, tutti di alto livello, per confrontarsi con un pubblico non solo locale.



Il primo appuntamento il 19 settembre (a ingresso libero) è a Savigliano dove si esibisce il quintetto di ottoni Brass Express, nato dall'Orchestra sinfonica della Rai. Sempre il 19 e sempre a Savigliano il giornalista Paolo Mieli, già direttore del Correre della Sera dialoga con don Alberto Piola su tema La fede illumina o acceca? Il giorno successivo, il 20, invece, di nuovo sul fronte musicale, sarà la volta del grande Uto Ughi che presenterà il concerto Il violino romantico nello splendido teatro Milanollo di Savigliano (ingresso a pagamento). Nel calendario degli incontri, il 3 ottobre a Saluzzo lo psichiatra Raffaele Morelli intrattiene il pubblico con l'ncontro La nostalgia dell'anima.



Il terzo appuntamento musicale, il 10 ottobre, è invece a Revello e il giorno successivo replica a Saluzzo. Si esibiscono i Pequenas Huellas, gruppo misto internazionale onlus di Torino che presenta la Miessa criolla, ossia le Messa creola per voce, coro e orchestra. Il 29 ottobre a Cuneo al teatro Toselli l'interprete dello spettacolo Viviani varietà, diretto da Maurizio Scaparro è Massimo Ranieri. Infine il 5 novembre di nuovo a Savigliano il duo Natascia e Ivan Chiarlo si esibiscono al teatro Milanollo accompagnati dall'Orchestra da camera Arturo Toscanini in musiche di Beethoven, Chopin e Debussy.