Scopri il mondo Touring

È il primo step dell'aeroporto milanese verso l'Expo

La Piazza del lusso apre a Malpensa

di 
Stefano Brambilla
19 Maggio 2014

Malpensa procede spedita verso Expo. Il principale aeroporto milanese ha aperto oggi il primo step del progetto di ampliamento e rinnovamento che lo vedrà protagonista fino al grande evento del 2015: si tratta della Piazza del Lusso, fulcro di una nuova galleria commerciale che al termine del restyling sarà accessibile da tutti i passeggeri (sia quelli diretti verso i Paesi Schengen, sia da quelli non-Schengen). Di cosa si tratta? Naturalmente di uno spazio commerciale dedicato al lusso in tutte le sue forme: presenti tutti i grandi marchi del Made in Italy e del glam mondiale, da Bulgari ad Armani (prima apertura in un aeroporto europeo), da Zegna a Gucci, da Montblanc a Moncler. L'intero progetto archettonico è stato realizzato da Gregorio Caccia Dominioni

 

Forse la maggiore novità è rappresentata dalle dimensioni: con i suoi 8mila metri quadrati e i 46 nuovi spazi commerciali, tra cui un duty free di duemila metri quadrati, la galleria sarà tra le più grandi d'Europa. L'area delle partenze di Malpensa potrà dunque offrire a regime oltre 100 esercizi tra ristoranti, bar e negozi nella sola area partenze, per un totale di 23mila metri quadrati). Il che farà di Malpensa un aeroporto al passo con i tempi, al livello di altri aeroporti europei. Elevato, del resto, è l'investimento di Sea: 30 milioni di euro. Ma molto curati sono anche i materiali e soprattutto l'illuminazione. "Il continuo rincorrersi di vuoti e pieni nel controsoffitto determina un alternarsi di luce e ombra, una sorta di chiaroscuro caro alla tradizione pittorica italiana, che muta in continuazione a seconda di come lo si guarda e che ritrova in molta architettura di Giò Ponti la sua principale ispirazione" ha dichiarato Cinzia Ferrara, lighting designer del progetto.

 

In un'epoca in cui i centri commerciali sono diventati meta dei weekend familiari, anche Malpensa vuole inserirsi nel trend: il nuovo polo commerciale vuole attirare visitatori, non solo turisti di passaggio. Ecco allora, per esempio, il Davide Oldani Cafè, dove fermarsi con calma a gustare un pranzo stellato. Un notevole cambiamento, per un restyling che vedrà il terminal 1 raggiungere nel 2015 una superficie totale di 350mila metri quadri, con 90 gates di imbarco e 41 pontili mobili.