Scopri il mondo Touring

Se l'attesa dei fiocchi si fa attendere ancora, ci sono le città e le riviere

La montagna piange (senza neve), dove andare in vacanza?

di 
Piero Carlesi
20 Dicembre 2015

Ogni giorno che passa il problema si fa sempre più serio. In montagna la neve non c'è. E sembra non arrivare. Questo succede dalle Alpi Occidentali alle Dolomiti. Le stazioni che hanno gli impianti di innevamento artificiale hanno cercato di ovviare, ma i bacini d'acqua da cui i cannoni si alimentano presto si svuoteranno. Con le vacanze di Natale-Capodanno alle porte la situazione è davvero seria.
 
Di seguito una piccola rassegna fotografica di località montane in tempo reale, foto scattate questa mattina dalle webcam posizionate in quota.
 
 
 
 
 
Alcuni alberghi stanno ricevendo disdette. E non bastano i programmi alternativi. La mancanza di neve sta pregiudicando tutto: niente sci, niente ciaspole, niente slitte. La montagna è impreparata a questa emergenza. Certo, si può camminare, fare le gite che si fanno d'estate, solo con scarponi e giacca a vento (come abbiamo già scritto qui giorni fa), ma a molti non basta.

FESTE IN RIVIERA
Ma se c'è chi piange c'è anche chi ride. Sono gli albergatori delle riviere: della Liguria, della Versilia, della Riviera romagnola. La mancanza delle neve in quota si sta trasformando per loro in manna dal cielo.
Il turista certo non rinuncia alle vacanze di fine anno e ci permettiamo di ricordare a chi è in partenza che la montagna è bella d'inverno anche senza neve e a chi proprio non la vuole vedere così spoglia e grigia consigliamo non solo il mare ma le città d'arte. È una delle ricchezze del nostro Paese. Complice questo meteo matto può essere un'occasione per visitare tanti luoghi bellissimi dell'Italia che normalmente dimentichiamo.
 
Siena, Orvieto, Spoleto, Assisi, Cortona e altri cento e cento ancora vi aspettano. Senza dimenticare i 213 borghi certificati con la Bandiera arancione Tci. Buone feste, buone vacanze.