Scopri il mondo Touring

27 "red carpet" uniscono i luoghi da non perdere nelle vacanze dal Levante al Ponente ligure

La Liguria più bella si scopre sui "tappeti rossi"

di 
Fabrizio Milanesi
28 Luglio 2017

27 tappeti rossi stesi in 32 Comuni da Ponente a Levante, per un totale di quasi 50 chilometri di passerella che rappresenta il fil rouge dell’estate ligure.
 
Ad anticipare l’idea è stato il red carpet da primato steso il 29 aprile tra Rapallo e Portofino sul “sentiero dei baci” cui avevano camminato entusiasti in decine di migliaia tra turisti e locali. 
 
LERICI (SP) E IL FASCINO DEL GOLFO DEI POETI
Lerici e il suo splendido golfo si ammanteranno di rosso dal 27 luglio. Il tappeto abbraccia il borgo di pescatori con un percorso panoramico che unisce piazza Mottino, via del Ghetto, attraversando l'antico borgo arroccato sulla collina per arrivare in piazza San Giorgio, ai piedi del Castello Monumentale di Lerici, esempio di un glorioso passato.
 
Perla del Golfo dei Poeti e dominata dal Castello (1152) che si staglia sul promontorio a picco sul mare e sul porto turistico, Lerici è nota anche per la sua passeggiata che la unisce a San Terenzio, per spiagge dorate e sabbiose e per un Golf Club vista mare, Villa Magni che ha ospitato P.B. Shelley, Mary Shelley e Lord Byron.
 
Curva dopo curva in direzione di Montemarcello, si raggiungono i borghi pittoreschi di Fiascherino (con due piccole ma suggestive spiaggette) e Tellaro. Fra gli eventi, ogni primo sabato di luglio si celebra la Festa di sant'Erasmo, patrono dei naviganti: una grande processione notturna nella baia illuminata con migliaia di lumini. La statua è trasportata per le vie del borgo e poi a bordo di un traghetto scortato da numerose barche viene condotta a Tellaro e San Terenzo. Al termine della processione naso in su per ammirare i fuochi artificiali.
 
 
VARESE LIGURE (SP), I FiESCHI E IL PERCORSO NAPOLEONICO
Il 30 luglio alle 18 tappeto rosso steso sulla linea della storia della nobile famiglia dei Fieschi. A Varese Ligure, borgo Bandiera arancione Tci, si parte dall’Archivolto Lanfrino per andare verso il torrente Crovana e sul Ponte di Grecino (515). Da lì si imbocca l’omonima via in direzione di piazza Angela Gotelli. E poi lungo le vie Mola, Portici e Rossignotti per giungere in piazza Fieschi. Poi di nuovo in via Portici fino a piazza Vittorio Emanuele: quindi, finalmente, in piazza Castello, all’ingresso di Borgo Rotondo, la cittadella fortificata voluta dai Fieschi che proprio a Varese Ligure avevano il proprio feudo.
 
Varese Ligure è uno dei centri storici più antichi e meglio conservati dello Spezzino. Oltre alle eredità dei Fieschi si può scoprire il territorio solcando il cosiddetto “percorso napoleonico” verso il passo di Cento Croci. Dal paese si corre lungo strade mulattiere che tagliano splendidi prati con le mucche al pascolo, fino ad arrivare a case Langasco e alla Colonia del passo Cento Croci.
 
Per completare l’esperienza non lasciatevi scappare le specialità locali: dalle lasagne al sugo di porri, alle tagliatelle con fagioli e zimino, oltre ai crosetti, tomaxelle ai cuculletti.
 
 
FINALBORGO (SV), RIVIVERE IL MEDIOEVO
Il 5 agosto due dei quattro storici accessi di Finalborgo saranno le vie rosse dirette al cuore di quella che fu capitale del Marchesato Del Carretto dal XIII secolo: Porta Testa e Porta Reale. Poi il percorso si snoda per via Nicotera tra botteghe, logge e le animate piazzette che anticipano piazza Garibaldi e Piazza del Tribunale.
 
Finalborgo è stata per secoli una grande capitale e lo si percepisce già da lontano, laddove si erge Castel Gavone e la grandiosa torre dei Diamanti. Camminando tra le sue strade si ha la sensazione di un tempo sospeso. E forse non è un caso se anche quest’anno dal 24 al 27 agosto il borgo si trasforma in un vero e proprio villaggio medioevale, con tanto di moneta (finarino), cavalieri e dame, l’imponente castello illuminato nella notte. Si tratta di Viaggio nel Medioevo, una delle rievocazioni storiche più partecipate e riuscite della Liguria.
 
 
COGOLETO (GE) E LA “NOTTE IN FORNACE” 
Due forni integri e spazi di lavoro, la pesa, le vasche e il deposito di coccio pesto: per l’occasione tutto ciò sarà visitabile al chiaro di luna. Il sito di archeologia industriale della Fornace Bianchi apre infatti per visite anche durante il mese d'agosto. E dal 27 luglio si srotolerà il tappeto rosso a Cogoleto, con le sue lunghe spiagge, la pista ciclabile lungo la costa, il percorso al top del Golf Club Sant’Anna e la casa che ha visto nascere l’Eroe dei due Mondi, Cristoforo Colombo.
 
Da un restauro di archeologia industriale è ora visitabile la Fornace che fornì addirittura la calce per le fortificazioni di Calvi in Corsica e per Palazzo Ducale a Genova.
 
E per l’open air le proposte si dividono tra i percorsi ciclabili e a cavallo verso il monte Rama e il monte Beigua e l’esperienza di calcare l’erba dei campioni di golf, nel celebratissimo Club Sant’Anna, a Lerca. Dall’entroterra di Cogoleto partono moltissimi sentieri per il monte Rama e il monte Beigua da percorrere a piedi, a cavallo o in mountain bike.
 

 
INFORMAZIONI E MONDO TOURING
Scopri tutte le destinazioni e gli eventi dell'estate sul sito #lamialiguria. 
E per non perdere il meglio della Liguria vai nei Punti Touring o sul nostro store on line e acquista le guide dedicate alla Liguria a prezzi scontati per soci e utenti web.