Scopri il mondo Touring

Il borgo Bandiera arancione è perfetto per un weekend in campagna

In camper a Cisternino, la Murgia dai sapori forti

di 
Fabrizio Milanesi
9 Ottobre 2017
 
 
Avete un camper o una caravan e vorreste qualche consiglio su dove passare il weekend? Oggi vi suggeriamo di visitare un borgo Bandiera arancione, ovvero un paese dell'entroterra con meno di 15mila abitanti che il Touring Club Italiano ha certificato per le sue qualità turistiche e ambientali. Un paese, in poche parole, bello, accogliente, dove non mancano i servizi e vi troverete bene... e in più avrete tutti i servizi di cui necessita il camperista. La meta prescelta è Cisternino, in provincia di Brindisi.
 
Se avete un camper, pensate a un’assicurazione con Linea Strada InCamper, il prodotto innovativo e conveniente di Vittoria Assicurazioni dedicato al mondo del camper!

Per richiedere un preventivo personalizzato, basta andare sul sito www.rcamper.it o chiamare il numero verde 800 403060: in pochi minuti potrete scoprire i vantaggi esclusivi dell'offerta ed acquistare direttamente la vostra assicurazione!
 
 
CINQUE MOTIVI PER ANDARE A CISTERNINO

1. PERCHE’ È UNA TERRAZZA NATURALE Allungare lo sguardo sull’orizzonte da Cisternino vuol dire ammirare il panorama sulla Valle d’Itria, un territorio davvero unico con la pietra locale che dà colore e forme ai caratteristici muretti a secco, ai trulli, alle storiche masserie e alle “cummerse”, le tipiche case locali dal tetto spiovente.
 

2. PER IL FASCINO ORIENTALE
Come un profumo persistente e antico, il fascino orientale di Cisternino si mostra con il tempo, accendendo i sensi tra i quartieri antichi, anche nel nome. Bère Vècchie, Scheledd, u Pantène e L’Isule sono infatti un intreccio da sciogliere passo dopo passo tra viuzze sovrastate da archetti, con le case bianche addossate le une alle altre, balconcini, mascheroni in pietra e scalette esterne che si affacciano su corti nascoste.
 

3. PER TROVARE LE ORIGINI DELLA CIVILTA PUGLIESE
 Per prime la abitarono i Messapi sbarcati d’oltreadriatico, dall’antica regione dell’Illiria nel I millennio, poi i Romani, i Normanno-Svevi e infine i Borboni. Cisternino di storie ne ha da raccontare e per ascoltarle da vicino si può seguire il percorso scandito dalle testimonianze dell’arte monumentale e dell’architettura. Si può iniziare da piazza Vittorio Emanuele e la sua torre dell’Orologio, riferimenti risorgimentali ma perni urbanistici, al centro dei quartieri storici.
 
Oppure si può cominciare il passeggio dal cuore antico del centro storico, il quartiere L’Isule, con la Torre quadrangolare del periodo normanno-svevo e punto di avvistamento strategico su tutta la valle, e con la  chiesa matrice di San Nicola, di origine romanica custode della preziosa Madonna del Cardellino, scultura scolpita nel ‘500 da Stefano da Putignano.
 
Cisternino, il santuario della Madonna d'Ibernia

4. PER I SAPORI DECISI DEL TERRITORIO
Dai “sottolio” fatti in casa e le torte alle verdure si passa alla purea fave e cicoria, alle melanzane ripiene. Dalle paste tirate a mano ai richiami al mare con le acciughe, i capperi e i profumi della macchia mediterranea. Pezzo forte sono le carni. Le salsicce di carne bovina, come le bombette e le gnummeredde a base di interiora d’agnello, sono da gustare nelle macellerie - fornelli pronti del centro storico, in cui si può chiedere di arrostire la carne appena scelta al banco. Dulcis in fundo le Menule atterrete, le mandorle allo zucchero e le castagnelle (anche con aggiunta di amarene). Senza dimenticarsi l’olio pregiato e i vini della valle d’Itria dai vitigni locali di Negroamaro, Aglianico e Primitivo.
 

5. PERCHÉ È UNA BANDIERA ARANCIONE TCI
A Cisternino si arriva facilmente, prima passando sulla A4, poi sulla statale 16 e sulla provinciale 17 e questo è solo uno dei requisiti assolti dalla cittadina pugliese per accedere alla certificazione di Borgo Bandieraarancione TCI. Per gli altri requisiti risalite i paragrafi in ordine sparso e ritroverete la sintesi nella ufficiale menzione “arancione” di un “centro storico che si presenta armonico e omogeneo architettonicamente, con una buona offerta dei prodotti tipici agroalimentari e artigianali”.

I SERVIZI PER I CAMPERISTI
Per chi arriva in camper l'area di parcheggio comunale è in via Clarizia, in prossimità del centro storico. Lo stazionamento è gratuito con capacità di più di 50 equipaggi.
 
 
L'ASSICURAZIONE
Se avete un camper, pensate a un’assicurazione con Linea Strada InCamper, il prodotto innovativo e conveniente di Vittoria Assicurazioni dedicato al mondo del camper!

Per richiedere un preventivo personalizzato, basta andare sul sito www.rcamper.it o chiamare il numero verde 800 403060: in pochi minuti potrete scoprire i vantaggi esclusivi dell'offerta ed acquistare direttamente la vostra assicurazione!