Scopri il mondo Touring

Diciottesima edizione dell'evento dedicato a luoghi e culture

Immagimondo, da non perdere il festival di viaggio a Lecco

di 
Tino Mantarro
14 Settembre 2015
Quando si torna da un viaggio si ha sempre voglia di due cose: ripartire quanto prima e raccontare quel che hai visto. Due istanze per nulla contraddittorie che ben si fondono a Immagimondo, il festival di viaggi, luoghi e culture che da 18 anni si tiene a Lecco.

Rispetto ad altri festival infatti a Lecco i protagonisti veri sono i viaggiatori che come ogni anno hanno la possibilità di raccontare al pubblico le proprie esperienze in giro per il mondo. E il bello di Immagimondo è che non devi per forza aver scritto un libro ed essere un viaggiatore affermato per salire sul palco e raccontare la tua esperienza di viaggio: basta aver lo spirito giusto e la capacità di rendere gli altri partecipi delle emozioni con il racconto e le fotografie. Tema di quest'anno, l'acqua.
 
Così sabato 19 e venerdì 20 tra il palazzo del Commercio, il palazzo delle Paure, la Torre Viscontea decine di veri viaggiatori si alterneranno per parlare delle proprie esperienze in luoghi spesso lontani, ma alle volte anche molto, molto vicini. Dall’Ucraina raccontata da Andrea Sceresini e Lorenzo Giroffi (sabato ore 15) al mondo delle spezie spiegato da Francesco Antinucci fino alle impressioni della Namibia di Barbara Castelli Gattinara, quest’edizione di Immagimondo è l’ennesima miniera di storia da ascoltare e da vedere. Visto che nei due giorni verranno proeittati anche fllm e documentari di viaggio dai maggiori festival italiani.
 

Ma Immagimondo è anche fotografia: quattro mostre incentrate sul tema acqua e diritto al cibo che in periodi diversi popoleranno Lecco e i paesi della provincia. Alla Torre Viscontea da non perdere The Liquid stage, storie di uomini e di acqua, realizzata da Parallelozero con foto tra gli altri di Alessandro Gandolfi e Sergio Ramazzotti. Mentre venerdì 18 inaugura sui muri degli edifici che si affacciano sull’Adda “Wall on wall” di Kai Wiedenhöfer, un reportage che mostra i muri che sopravvivono e di continui si costruiscono in tutto il mondo. A Mandello del Lario dal 25 settembre invece si parla di Uganda e diritto al cibo con le immagini di Alberto Prina. Mentre da sabato 10 ottobre a Valmadrera, Samuele Pellecchia e Massimo di Nonno dell’agenzia Prospekt inaugurerà la mostra “SpAcqua, diritto umano o bene privato.” Bisogna proprio mettersi in viaggio verso Lecco.