Scopri il mondo Touring

Un filmato del regista francese esalta la bellezza del Lario

Il lago di Como visto da Yann Arthus-Bertrand

di 
Tino Mantarro
1 Luglio 2015
Alle volte quando viaggi finisci in capo al mondo in posti stupendi e ti stupisci di non averne mai sentito parlare. Poi torni e ti capita di vedere filmati come questo sul lago di Como, realizzato dal regista e fotografo francese Yann Artus Bertrand, e ti sorprendi due volte per quanta bellezza ci sia a un passo da casa. Bellezza diffusa, come è la norma il Italia. Bellezza cui forse non hai mai prestato sufficiente attenzione. Con il lago di Como accede così.
 
 
Che sia bello lo sai. Ma non ti accorgi quanto davvero lo sia fino a quando non parli con un qualunque turista americano (non per forza George Clooney) che ha deciso di attraversare l’oceano per andare a passare le sue vacanze proprio sul lago di Como. Allora rifletti, fai un giro sulla sponda che va da Cernobbio a Menaggio, passi un pomeriggio a Piona, sotto l'abbazia; sali le scale ripide e strette di Corenno Plinio, ti areni sul cemento vista acqua a Rezzonico; guardi Como e la griglia regolare del centro dall'alto del faro voltiano, e pensi che sì, è vero: il lago di Como è proprio bello. Se non lo avete a portata di mano e volete riscoprirlo non vi resta che prendervi venti minuti per guardare il filmato (promosso dal team di TedxLakeComo e realizzato con il sostegno di SistemaComo2015 e dai Comuni del lago) che Bertrand ha girato volando in elicottero sopra il lago di Como. Poi, la prossima volta che sarete in capo al mondo in un posto bellissimo vi fermerete un attimo e pensere. «Bello, bellissimo. Però anche il lago di Como non è poi così male».