Scopri il mondo Touring

La mobilità cambia. E dalla Germania arrivano linee gran turismo che vogliono fare la differenza

Flixbus, un nuovo modo di viaggiare in bus

di 
Renato Scialpi
15 Luglio 2015
“Dimenticatevi l'autobus delle gite sociali o scolastiche. Oggi in bus si viaggia smart". Andrea Incondi, general manager della filiale nazionale di Flixbus, gigante tedesco della mobilità (650 autobus e 10 milioni di passeggeri trasportati nel 2014), presenta così Flixbus Italia. “Abbiamo progettato un network che, come è avvenuto in Germania, collegherà capillarmente l’intero Paese, da Nord a Sud, integrando le nostre città con la fitta rete di collegamenti già esistenti e in continua espansione tra l’Italia e il resto d’Europa: Monaco, Stoccarda, Francoforte, Zurigo, e da oggi anche Dortmund e Amburgo, sono solo alcune delle città raggiungibili direttamente dalla Penisola”.
 
LE NUOVE LINEE
Già oggi in grado di collegare quotidianamente l'Italia con decine di destinazioni europee, Flixbus ha annunciato che nei prossimi giorni partiranno le prime linee nazionali: Milano – Venezia, con fermate a Verona, Padova e Mestre, a partire dal 18 luglio, e Torino – Venezia, passando per Brescia, Verona, Padova e Mestre, dall'8 agosto. Entrambe le linee prevedono tre collegamenti al giorno nelle due direzioni. Entro la fine dell'anno, inoltre, Flixbus ha in programma di servire almeno 50 città italiane offrendo mille collegamenti giornalieri. Cui si aggiungeranno corse notturne verso le maggiori destinazioni europee.
 
UN NUOVO MODO DI VIAGGIARE
Tre i fattori chiave che, secondo Flixbus, dovrebbero portare la filiale italiana a ripetere il successo della casa madre tedesca che in tre anni è arrivata a trasportare 20 milioni di passeggeri e oggi offre collegamenti quotidiani verso 300 città di 15 diversi Paesi europei: sostenibilità, attenzione al cliente, compatibilità economica. Flixbus che, in Germania, si stima abbia creato quasi quattromila nuovi posti di lavoro.
 
BUS DI ULTIMA GENERAZIONE
Tutti gli autobus utilizzati da Flixbus rispettano le più avanzate norme antinquinamento (Euro6 e Euro5) e non hanno più di tre anni di età. Il che minimizza l'impatto ambientale del viaggio rispetto all'uso di aerei o auto private. In più, i clienti più attenti all'ecologia con un piccolo supplemento possono attivare un meccanismo di “compensazione ambientale” del quantitativo di CO2 corrispondente alla tratta da loro percorsa in bus. Sostenibilità vuol dire anche sicurezza: non solo i mezzi dispongono dei più avanzati dispositivi di assistenza alla guida, ma sono anche monitorati a distanza da una centrale di controllo che ne conosce la posizione in tempo reale. E in caso di ritardi avverte via smartphone i clienti in attesa del posticipo della partenza o del passaggio.
 
NIENTE CARRI BESTIAME
La distanza minima garantita di 74 centimetri tra due file di sedili del bus è il fiore all'occhiello della compagnia. Ma i mezzi dispongono pure di condizionamento integrale, toilette e minibar a bordo, prese di corrente per computer e tablet, wifi gratuito per tutta la durata del viaggio. E, per facilitare la vita ai clienti, i biglietti non solo si possono acquistare anche tramite smartphone con un app gratuita, ma la prenotazione può essere cambiata senza pagare penali fino a 15 minuti prima della partenza. Standard la franchigia di 20 chili (due valigie) di bagaglio più una borsa a mano.
 
NON SOLO PREZZI CONTENUTI
Superato il periodo promozionale, in cui sono disponibili ticket a un euro, Flixbus proporrà come accade con le compagnie aeree tariffe flessibili che permettono di acquistare i biglietti a 9 euro a chi si muove con molto anticipo. E la tariffa media della tratta Torino-Venezia dovrebbe variare tra 15 e 29 euro, giusto per fare un esempio. Già oggi, il biglietto Milano-Francoforte sul Meno costa tra 33 e 40 euro. Senza diritti di prenotazione e, su molte linee, con la possibilità di caricare anche la bicicletta con un supplemento compreso tra 5 e 9 euro. Senza dimenticare che Flixbus opera in partnership con vettori di bus locali delle diverse regioni d'Italia; quindi la ricaduta delle nuove linee – stimata in almeno un migliaio di posti di lavoro tra diretti e indiretti – andrà prima di tutto a beneficio del territorio, oltre a offrire la possibilità di visitare il nostro Paese (e non solo) a un maggior numero di persone.

LA CONVENZIONE PER I SOCI TCI
Grazie a un accordo con Flixbus, ai soci del Touring Club Italiano è riconosciuto uno sconto di 20 euro sui biglietti, suddiviso in 4 voucher da 5 euro, ciascuno utilizzabile per un viaggio su tutte le tratte nazionali e internazionali della compagnia. Se non sei ancora socio del Touring, prova a viaggiare con Flixbus con il buono sconto da 5 euro che il Tci ti offre.
 
per avere i codici sconto a te riservati!
 
 

INFO E PER PRENOTARE: FlixBus
Per ottenere lo sconto, inserisci il codice ottenuto qui sopra nell'apposito campo della pagina di prenotazione.