Scopri il mondo Touring

Si apre il 28 e il 29 giugno con una versione speciale dei Carmina Burana

Festival a sorpresa per i 200 anni del Teatro Sociale di Como

di 
Stefano Brambilla
24 Giugno 2013

Il 2013 è anno di anniversari musicali. Non solo Wagner e Verdi: anche importanti istituzioni del nostro Paese festeggiano traguardi importanti. Come il Teatro Sociale di Como, fondato nel 1813, il cui palco è stato calcato dagli artisti più importanti di Ottocento e Novecento. Quando la Scala fu colpita dai bombardamenti, nel 1943, fu il glorioso Teatro di Como a ospitare concerti e opere.


Per festeggiare i 200 anni di nascita, il TSC - com'è chiamato da chi lo conosce da vicino - ha preparato un programma davvero particolare, che vede l'inizio il weekend del 28 e 29 giugno. Particolare per almeno due motivi. Il primo, perché sede di eventi e concerti è l'arena retrostante il teatro, di recente restaurata grazie all'intervento voluto dalla Società dei Palchettisti del Teatro Sociale. Secondo motivo, perché a interpretare i Carmina Burana di Carl Orff, in queste due prime giornate, saranno oltre 300 comuni cittadini che da gennaio frequentano laboratori di preparazione e faranno parte di coro, orchestra e corpo di ballo, calcando il palcoscenico dell'arena insieme ad artisti professionisti, per un'imponente messa in scena collettiva.


Quello del TSC è in realtà un progetto a lungo termine, che coinvolge amatori e professionisti, ragazzi e adulti impegnati in discipline, arti e mestieri diversi. Il progetto Carmina Burana è già valso al Teatro Sociale di Como la nomination ai recenti International Opera Awards per la categoria "Accessibility" accanto a teatri di fama mondiale quali il Metropolitan Opera di New York. Barbara Minghetti, presidente del Teatro Sociale di Como - AsLiCo da anni porta avanti, insieme al suo staff, questo tipo di filosofia, sostenendo che "l’opera c’è ed è viva! I teatri italiani resistono alla crisi e la lirica continua ad attrarre pubblico. Per noi la lirica è un bene di tutti, un patrimonio inestimabile da far circolare senza barriere, la lirica può e deve arrivare nelle strade e parlare alla gente comune".  


L'opera inaugurerà anche il festival Como Città della Musica 6.-linee e volumi, che fino al 14 luglio vedrà alternarsi generi musicali diversi. Ce n'è davvero per tutti i gusti, dalla lirica alla danza moderna, dal pop all'omaggio al grande Morricone. In cartellone: martedì 2 luglio Maggio Danza (Bolero, Four Temperaments, Steptext);  venerdì 5 luglio e domenica 7 luglio Il Trovatore di Verdi (direttore Francesco Cilluffo, regia Matteo Mazzoni); sabato 6 luglio Sonics in Meraviglia, spettacolo di nouveau cirque e danza acrobatica; giovedì 11 luglio i Baustelle in Fantasma Tour 2013; sabato 13 luglio la David Parsons Dance Company, prima data del tour italiano; domenica 14 luglio Omaggio a Ennio Morricone (direttore Diego Basso). 


Infowww.200tsc.comwww.teatrosocialecomo.itwww.comofestival.org