Scopri il mondo Touring

Aperto anche Palazzo Italia. Entrata gratuita

Expo 2016: si riaccende l'Albero della vita

di 
Barbara Gallucci
1 Luglio 2016
 
 
Sono trascorsi molti mesi da quando, il 31 ottobre scorso, si sono chiusi i cancelli di ExpoMilano 2015. E dal giorno dopo, quasi tutti chiedevano a gran voce la riapertura almeno di una parte del sito espositivo. Prima era necessario però smantellare i padiglioni temporanei e mettere in sicurezza alcune strutture, nonché riattivare i servizi essenziali per gli ospiti. Ora è tutto pronto e fino al 20 settembre può camminare sul Decumano.
 
 
L'ALBERO DELLA VITA
iniziamo a dire che la riapertura dell'area Expo - ora chiamata EXPerience - è gratuita ed è prevista dal venerdì alla domenica, dalle 15 alle 23.

L'Albero della vita, protagonista assoluto e simbolo della manifestazione che ha accolto oltre venti milioni di persone, torna con il suo spettacolo di suoni, luci e acqua. A partire da venerdì 1 luglio, tutti i venerdì, sabato e domenica la programmazione prevede spettacoli diurni ogni ora a partire dalle 15.45 (di cinque minuti l'uno) e, due volte ogni sera (21.45 e 22.45), lo spettacolo di dodici minuti che ha reso famoso l'Albero della vita nel periodo di Expo.

Gli show diurni sono caratterizzati da quattro duetti musicali: "Cose della vita / Can't stop thinking of you" (Eros Ramazzotti e Tina Turner), "Caruso" (Lucio Dalla e Luciano Pavarotti), "Gli ostacoli del cuore" (Elisa e Ligabue), "Time to say goodbye" (Andrea Bocelli e Sarah Brightman). E c'è anche una novità: si può camminare sulla Lake Arena - nelle ore diurne - fino al cuore dell'Albero, dove si visita una mostra-esibizione sulla storia del simbolo di Expo 2015. 

PALAZZO ITALIA
Riapre anche il Padiglione Italia. Dentro Palazzo Italia viene riproposta, in versione aggiornata, la mostra principale dell'Expo, ora intitolata "Italia, inno alla bellezza", un percorso tecnologicamente avanzato attraverso le tradizioni e le eccellenze del nostro Paese.

Accanto a questa, una nuova esposizione che ripercorre invece la storia di Expo 2015, non limitatamente ai sei mesi di apertura ufficiale, ma guardando a tutti i nove anni che sono intercorsi tra la candidatura di Milano e il 31 ottobre dello scorso anno quando sull'Esposizione è calato il sipario.
 
 
CINQUE MOSTRE DELLA XXI TRIENNALE
Ma è il progetto City after the City che rende ancora più interessante la riapertura parziale dell'area Expo. In occasione della XXI Triennale sono infatti allestite cinque mostre, ideate da Pierluigi Nicolin, che intendono presentare tutti i cambiamenti relativi all'idea stessa di progettualità del Terzo Millennio.

Due i padiglioni dedicati alle mostre, con un focus dedicato anche alla street art e l'affascinante Orto planetario che si collega al tema di ExpoMilano 2015 Nutrire il pianeta, energia per la vita. Tremila metri quadrati di piante provenienti da tutto il mondo. Una sintesi perfetta della biodiversità della terra.
 

GLI SVILUPPI FUTURI
Nei prossimi giorni daremo maggiori dettagli su altri sviluppi ed eventi dell'area Expo per l'estate 2016. Per esempio, il festival di street food con decine di proposte gastronomiche; il programma dell'Open Air Theatre, già inaugurato da un concerto a inviti di Andrea Bocelli il 25 maggio; l’apertura del Cluster Music, spazio polifunzionale dedicato a musica e cultura, e di un’Area Sport (dove c'erano i padiglioni Iran e Austria): diecimila metri quadrati che comprendono campi da basket, calcetto e volley, pareti di arrampicata sportiva, aree adibite a esibizioni di skate, parkour e bike polo (proabilmente dal 15 luglio). 

Nei pressi dell’Albero della Vita, previsti un’area giochi per bambini (dall’8 luglio) e lo spazio Pet Paradise dedicato agli animali (dal 25 luglio). Continua l’attività di Cascina Triulza, l’unico padiglione di Expo 2015 che non ha mai chiuso, con attività per tutta la famiglia legate alla sostenibilità e alla alimentazione. 
 
 
COME ARRIVARE
Durante il periodo di riapertura si entra da ovest, ingresso Triulza dalla metropolitana 1 fermata Rho-Fiera e dal passante ferroviario. È previsto anche un autobus tra l'ospedale Sacco e la fermata MM1 di Rho. Le connessioni ciclopedonali arrivano dal cavalcavia a est e da via Grandi e via De Gasperi a ovest.