Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Notizie di viaggio
  • >
  • Dodici spiagge del Mediterraneo da vedere almeno una volta nella vita

Le più scenografiche, le più sorprendenti, le più spettacolari dalla Spagna alla Turchia

Dodici spiagge del Mediterraneo da vedere almeno una volta nella vita

di 
Stefano Brambilla
15 Maggio 2017

In questi giorni di afa, chi è in città non vede l'ora di andare al mare (o in montagna, a seconda dei gusti). Per farvi sognare un po' (e sognare anche noi insieme a voi!), abbiamo preparato una carrellata di dodici spiagge del Mediterraneo dove bisognerebbe andare almeno una volta nella vita. Certo, poi ognuno ha i suoi gusti: c'è chi non rinuncerebbe mai a lettino e ombrellone e chi senza cocktail vista onde non si muoverebbe di casa.
 
Diciamo che per questa selezione totalmente soggettiva abbiamo prescelto le spiagge più scenografiche per il contesto ambientale e paesaggistico. Nessuna classifica: le citiamo in ordine sparso. Aggiungete le vostre preferite nei commenti sotto all'articolo... e guardate il riassunto in questo video spettacolare!


1. SPIAGGIA DEL NAVAGHIO, ZANTE, GRECIA
Il contesto.
L'avrete già vista in centinaia di sfondi desktop e cartoline assortite. D'altronde, non si può dire nulla alla spiaggia del Navaghio (Naufragio) dell'isola greca di Zante (uno delle Ionie, vicina a Corfù e Cefalonia). Mare intesamente azzurro, falesie a picco e pure un relitto abbandonato: una nave dedita al contrabbando di sigarette che naufragò nel 1983 e il cui equipaggio se la diede a gambe prima dell'arrivo della polizia.
I consigli. La spiaggia, in realtà, è più bella dall'alto che dal basso: fermatevi a scattare la foto ricordo dal punto panoramico presso Volimes. Altrimenti, se volete sbarcare sui ciottoli (niente sabbia!), dovete per forza arrivare in barca - evitate le ore centrali della giornata, quando al relitto approdano centinaia di persone portate dai barconi turistici.
Le alternative. Molte le alternative meno note e altrettanto belle sulle isole Ionie: la spiaggia di Myrtos a Cefalonia, per esempio, oppure quelle di Porto Katsiki e di Egremni a Lefkada.
La guida. Per sapere tutto di Zante, ecco la guida Routard Grecia continentale e la guida Verde Grecia! Online il prezzo è scontato, specialmente per i soci Tci!
 

2. SPIAGGIA DEI CONIGLI, LAMPEDUSA, ITALIA
Il contesto.
Qualche tempo fa gli utenti di Tripadvisor l'hanno scelta come spiaggia più bella del mondo. Senza esagerare, la spiaggia dei Conigli a Lampedusa è tuttavia un gran bel vedere: acque limpidissime e incredibilmente trasparenti, sabbia chiara, l'isola dei Conigli di fronte (popolata, più che dai conigli, dai gabbiani reali) e le famose tartarughe che ogni tanto fanno capolino.
I consigli. L'accesso è facile: un sentiero sterrato di circa settecento metri. Una di quelle classiche spiagge dove portare il picnic... anche se certo non sarete da soli. E se veniste all'alba o al tramonto? Certamente la folla sarebbe un po' meno presente... Altrimenti fuori stagione, anche se in primavera e inverno il mare potrebbe essere troppo freddo.
Le alternative. Sulla stessa Lampedusa, sono molte le spiagge meno affollate, a partire da cala Pulcino. Parlando invece di isole minori siciliane, perché per una volta non pensare a Favignana e alle trasparenze di cala Rossa? Contorno scenografico assicurato, anche se di sabbia neppure l'ombra... Altre alternative le potrete trovare nei nostri quattro articoli dedicati alle spiagge più belle della Sicilia.
La guida. Per programmare una vacanza a Lampedusa, ecco le guide dedicate alla Sicilia: Verde e Routard. Online il prezzo è scontato, specialmente per i soci Tci!
 
 
3. MACARELLA, MINORCA, SPAGNA
Il contesto.
Sono i gioielli di Minorca: Macarella e Macarelleta, sulla costa sud dell'isola, vantano la palma di spiagge più belle dell'isola (qualcuno dice delle Baleari). Qui il fascino è dato sia dal colore dell'acqua sia dalla macchia verde della vegetazione alle loro spalle: impossibile non innamorarsene.
I consigli. Ahinoi, quello che abbiamo appena detto non è certo un segreto: a volte l'intasamento nelle piccole spiagge - Macarelleta è davvero minuscola - potrebbe essere paragonato al flusso di gente alla Stazione centrale di Milano. Per non parlare del parcheggio. Se siete camminatori, alzatevi presto la mattina, fate un tratto dello stupendo Camin de Cavalls a piedi (il percorso che gira attorno a tutta l'isola) e sarete ricompensati dall'emozione unica di avere Macarella tutta per voi.
Le alternative. Su Minorca non avrete problemi a trovare alternative altrettanto scenografiche, che rispondono al nome di Turqueta, Galdana, Pregonda...
La guida. Indispensabile la guida Routard dedicata alle Baleari. Online il prezzo è scontato, specialmente per i soci Tci!


4. ZLATNI RAT, BRAC (BRAZZA), CROAZIA
Il contesto.
Per la spiaggia di Zlatni Rat, sull'isola croata di Brac, il fascino non è tanto nella composizione della sabbia (ciottoli e sassolini) né nel colore delle acque (bellissime, invero), quanto nella sua sagoma: affilata, elegante, forma una striscia di 630 metri e per questo era chiamata "corno d'oro". Tra l'altro, varia di qualche metro profilo e orientamento a seconda delle maree e delle correnti!
I consigli. Come per altre spiagge di quest'articolo, in agosto non venite per fare il bagno - troppa gente - ma per esclamare un "ooh" di meraviglia. Dopo di che, Brac offre luoghi più tranquilli. A Zlatni Rat peraltro ci si arriva con un trenino dal pease di Bol, in traghetto-taxi o a piedi in circa 15 minuti dal parcheggio. 
Le alternative. La Croazia è più forte sugli scogli che sulle spiagge, ma qualche alternativa degna di nota non manca: dalla spiaggia di Divna sulla penisola di Peljesac a quella di Porat sull'isola di Bisevo fino a quella di Lubenice sull'isola di Cres.
La guida. Da acquistare prima di partire la guida Verde Touring e la guida Routard dedicate alla Croazia. Online il prezzo è scontato, specialmente per i soci Tci! 


5. CALA LUNA, SARDEGNA, ITALIA
Il contesto.
Qui si va proprio sul personale: ognuno ha la sua spiaggia sarda preferita. Noi diamo un punto di vantaggio a Cala Luna e a tutte quelle che si raggiungono da Cala Gonone e da Santa Maria Navarrese: Cala Sisine, Cala Biriola, Cala Mariolu, Cala Goloritzè. Sarà perché il contrasto tra i colori è pazzesco (il mare azzurro intenso, il verde dei boschi di lecci e carrubi, il bianco delle rocce calcaree); sarà perché è comodo arrivarci in barca e non in auto; sarà perché ognuna ha una sua propria atmosfera... ma nel golfo di Orosei potremmo passare l'estate.
I consigli. Come detto, a Cala Luna si arriva in barca da Cala Gonone. Certo, giungere a piedi dà tutta un'altra soddisfazione... ma i sentieri, tra i più belli del Mediterraneo, sono davvero per esperti.
Le alternative. Le lasciamo descrivere ai nostri quattro articoli dedicati alle spiagge più belle della Sardegna.
La guida. La Guida Verde Sardegna è pronta a raccontarvi ogni angolo dell'isola. Online il prezzo è scontato, specialmente per i soci Tci!


6. RAMLA BAY, GOZO, MALTA
Il contesto. Quel che ci piace di Ramla Bay - indubbiamente la spiaggia più bella dell'arcipelago maltese - è soprattutto il suo colore: arancio-cremisi-oro, a seconda della luce del giorno e della stagione. Larga 50 metri, lunga 500 metri, è una spiaggia grande, con dune ondulate alle spalle, fiancheggiata da campi terrazzati intervallati da fitti canneti di bambù. 
I consigli e le alternative. La spiaggia è sì grande, ma anche sovraffollata: difficile trovare un po' di tranquillità ad agosto. Potreste preferire qualche altro punto di Gozo, per esempio la piccola insenatura sabbiosa a ovest della baia, di solito un po' più tranquilla, oppure la baia di San Blas. In generale, se volete trovare un po' di tranquillità, vale sempre la regola del "faccio due passi": a quindici-venti minuti di distanza a piedi dalle spiagge principali, ci sono sempre numerosi punti meno frequentati...
La guida. Nuovissima la Guida Verde dedicata a Malta e all'arcipelago. Online il prezzo è scontato, specialmente per i soci Tci!


7. ELAFONISSI, CRETA, GRECIA
Il contesto.
Siamo sulla costa occidentale di Creta. Da Moni Hrissoskalitissa si attraversano uliveti, si costeggia un bosco di cedi e si arriva a Elafonissi, una penisola magnifica, immersa in un paesaggio scabro. La spiaggia è rosata, baciata da acque eccezionalmente limpide, come in una laguna: sembra di essere in un atollo del Pacifico... finché non arrivano le folle.
I consigli. I soliti, ahinoi: arrivare presto la mattina o fare una capatina dopo le 16, quando la maggior parte della gente se ne sta andando. Cercate di dormire nelle vicinanze. Tutavia, anche nelle ore più "calde", si riesce comunque a ricavare sempre il proprio angolo di paradiso: la prima insenatura è piena di gente, ma più si prosegue maggiore tranqullità si trova. Dopo le spiagge, ecco la penisola rocciosa: il mare è sempre magnifico.
Le alternative. Su Creta le alternative proprio non mancano: ci sono spiagge in ogni angolo della grande e bella isola, alcune davvero poco affollate anche in alta stagione, come quelle della parte più orientale (più distante dai maggiori centri abitati).
La guida. Indispensabile la Routard dedicata a Creta. Online il prezzo è scontato, specialmente per i soci Tci!


8. SANTA GIULIA, CORSICA, FRANCIA
Il contesto. Sulla costa meridionale della Corsica, tra Bonifacio e Porto Vecchio, si susseguono le spiagge forse più belle dell'isola: tra tutte, il nostro premio va a quella di Santa Giulia, ben coscienti che anche le altre lasciano tutti a bocca aperta. Santa Giulia ha una forma perfetta, che raramente si trova altrove: chiusa per tre quarti su se stessa, è la spiaggia dei disegni dei bambini, quella degli stereotipi, quella dei sogni.
I consigli. Ovviamente è una spiagga anche parecchio affollata, tanto che quasi vi consigliamo di andarla a vedere tanto per ammirare la meraviglia e poi di andare a fare il bagno da qualche altra parte - la costa citata è piena di calette attraenti, che forse non avranno la spettacolarità di Santa Giulia ma che certo saranno meno frequentate. Se per caso siete in Corsica fuori stagione, una camminata lungo Santa Giulia non dovrebbe mancare nel vostro viaggio corso.
Le alternative. Dicevamo, le spiagge vicine: Rondinara, Palombaggia, cala Rossa, il golfo di Pinarellu. Per chi è in cerca di alternative più curiose, la spiaggia di Nonza, sul "dito" corso - ciottolini verde/grigio e acqua trasparente.
La guida. C'è l'imbarazzo della scelta: Verde e Routard entrambe dedicate alla Corsica. Online il prezzo è scontato, specialmente per i soci Tci!


9. ÖLÜDENIZ, TURCHIA 
Il contesto. E' la spiaggia per antonomasia della Turchia: l'avrete già vista ritratta su centinaia di poster, guide, cartoline. Però innegabilmente Ölüdeniz è la più bella e la più scenografica: una laguna dalle acque cristalline, le montagne che fanno da sfondo, sabbia bianca che si dispone in una particolarissima forma sinuosa che cambia leggermente con il gioco delle correnti. Sarebbe un vero paradiso...
I consigli. ...se non fosse così affollato. In estate, soprattutto nei weekend, sembra di essere capitati in un gigantesco luna park. Quindi soliti consigli: se siete in alta stagione, alzatevi all'alba o evitatela; se siete in bassa stagione, godetevi il paesaggio.
Le alternative. Per foruna dopo aver visto la grande spiaggia (località Belcekiz), che tra l'altro è in gran parte a pagamento, dirigetevi alla spiaggia della laguna e soprattutto alla valle delle farfalle, accessibile sia in barca sia via terra. Non che ci sia poca gente, anche qui, ma senz'altro riuscirete a trovare un posto per l'asciugamano.
La guida. Per una vacanza in Turchia ecco le guide Touring Verde e Routard. Online il prezzo è scontato, specialmente per i soci Tci! 


10. SES ILLETES, FORMENTERA, SPAGNA
Il contesto.
Formentera, si sa, è molto amata dagli italiani, che non mancano di frequentarla dalla primavera all'autunno. Non stupirà quindi di trovare molti connazionali su quella che è la spiaggia più scenografica dell'isola: Ses Illetes, che significa gli isolotti, visto che a proteggere la lunga e stretta lingua sabbiosa che si protende verso Ibiza c'è un corollario di scogli e piccole isole. La penisola ha spiagge da entrambi i lati, quindi c'è la garanzia di trovare sempre mare calmo (se da un lato non c'è vento, c'è dall'altro). Acque trasparenti, sabbia bianchissima: un sogno.
I consigli. Di solito c'è spazio per tutti, anche se in alta stagione può esserci davvero il mondo: cercate di camminare il più possibile verso il capo, più lontano andrete e meno gente ci sarà. Presenti bar e ristoranti.
Le alternative. Anche se piccola, Formentera regala altre bellissime spiagge, come quella di cala Saona e quella di Es Calò. Ma anche nella vicina Ibiza i lidi da sogno non mancano: l'isola sarà sì sinonimo di divertimento, ma anche il mare ha il suo perché...
La guida. C'è una guida Routard dedicata interamente alle Baleari senza cui non dovreste partire. Online il prezzo è scontato, specialmente per i soci Tci!


11. BRANDINCHI, SARDEGNA, ITALIA
Il contesto.
Siamo nel nord della Sardegna, di fronte all'isola di Tavolara - che spicca in ogni fotografia con il suo peculiare profilo che cambia a seconda dal punto di vista. Brandinchi incarna quello che potremmo definire il sogno tropicale: la trasparenza polinesiana, l'impalpabilità della sabbia, il miraggio di essere improvvisamente stati catapultati alle isole Cook. Due baie separate da una penisola boscosa; e alle spalle una profumata pineta.
I consigli. Non aspettatevi una spiaggia selvaggia; Brandinchi è zeppa di famiglie (l'acqua bassa favorisce i bambini) e attrezzata con ogni sorta di divertimento. Tuttavia, l'acqua è talmente limpida che invoglierà anche i più solitari. 
Le alternative. Le lasciamo descrivere ai nostri quattro articoli dedicati alle spiagge più belle della Sardegna.
La guida. La Guida Verde Sardegna è pronta a raccontarvi ogni angolo dell'isola. Online il prezzo è scontato, specialmente per i soci Tci!


12. VOIDOKILIA, GRECIA
Il contesto.
Guardatela nella foto sotto. Non è bellissima? Una mezzaluna di sabbia dorata, perfetta nella sua forma, con acque limpide e nessuno in giro. La baia si chiama Voidokilia ed è forse la meno conosciuta tra le 12 che abbiamo scelto di presentarvi in quest'articolo. Si trova sulla costa occidentale del Peloponneso, in Grecia, e la si raggiunge facilmente dal villaggio di Petrochori. Un sito storico, oltre che bellissimo: nei dintorni sono presenti resti di castelli medievali, siti archeologici e vari riferimenti al mito.
I consigli. A differenza di molte altre, qui non c'è nessun servizio, soltanto la spiaggia che vi aspetta. Che - è vero - raramente si presenta come nella foto, ovvero libera da ombrelloni e asciugamani; ma che comunque non attira mai grandissime quantità di turisti, che al Peloponneso preferiscono le isole. Munitevi di picnic e siate rispettosi: l'area è protetta per l'eccezionale valore ambientale, visto che anche la laguna alle spalle è popolata da numerosissimi uccelli.
Le alternative. Moltissime: anche il Peloponneso è costellato di belle spiagge, soprattutto nel Mani (il "secondo dito") e vicino a Monemvasia (l'isoletta di Elafonissos vanta un'altra spiaggia straordinaria, chiamata Simo's Beach).
La guida. Routard dedicata alla Grecia continentale, Verde dedicata alla Grecia. Online il prezzo è scontato, specialmente per i soci Tci!