Scopri il mondo Touring

A Palazzo Reale 18 capolavori da tutto il mondo. Al centro, l’artista e il suo processo creativo

“Dentro Caravaggio”. Arriva a Milano la mostra evento 2017

di 
Fabrizio Milanesi
6 Giugno 2017

“Dentro Caravaggio” sarà più di una mostra, sarà più di un evento. Dalle premesse emerse nella presentazione a Palazzo Marino si annuncia un abbraccio collettivo della sua Milano al pittore che in soli 15 di anni di piena attività è riuscito a gettare i semi per un travolgente rinnovamento artistico della pittura moderna del Seicento e non solo.

La mostra sarà ospitata nelle sale di Palazzo Reale di Milano e aprirà il 29 settembre 2017. Non una data casuale, visto che Caravaggio nacque a Milano proprio il 29 settembre del 1571.
 
Già dal 6 giugno sono aperte le prenotazioni per i biglietti. Un indicatore di quanta attesa monterà attorno all’esposizione.

È la terza volta che il capoluogo lombardo espone una retrospettiva di Caravaggio. L’ultima è stata la mostra del 2005 "Caravaggio e l’Europa", ma storica fu l’esposizione epocale del 1951 curata da Roberto Longhi, curatore e ricercatore che riportò Caravaggio sotto i riflettori del pubblico e della critica internazionale.
 
Fanciullo morso da un ramarro, 1596-97

PERCHÉ "DENTRO" CARAVAGGIO
Sono attesi per l’allestimento e saranno riuniti per la prima volta in un’unica esposizione diciotto capolavori del maestro: dal San Giovanni Battista (1603), al San Girolamo Penitente (1605-1606); dal Fanciullo morso da un ramarro (1596-97), al Sacrificio di Isacco (1602-03).

Le opere provengono dai maggiori musei italiani e da altrettante istituzioni internazionali. Ma a fare notizia e a spiegare il titolo “Dentro Caravaggio” sarà un allestimento che per la prima volta porterà al pubblico non solo l’emozione e la possibilità di ammirare i dipinti sulla tela, ma gli darà anche modo di capirne il processo di realizzazione, attraverso un apparato multimediale che sarà a corredo di ogni singola tela nel tentativo davvero di andare “dentro” la fase creativa. 

“Sono riflettografie e le radiografie, che penetrano in diversa misura sotto la superficie pittorica, ad aiutarci a interpretare fasi compositive invisibili all’occhio – spiega la curatrice Rossella Vodret –. Agli strumenti già utilizzati nello studio approfondito sulle 22 opere romane di Caravaggio tra il 2009 e il 2012, si aggiungono nuove importanti indagini diagnostiche sulle altre opere in mostra, comprese quelle provenienti dall’estero, grazie a un progetto congiunto Università degli Studi di Milano-Bicocca e CNR.
 
“È cosi che sono emerse – spiega la curatrice - costanti nel lavoro di Caravaggio, ma soprattutto sono venuti anche alla luce elementi esecutivi inaspettati e finora del tutto sconosciuti: dagli strati di pittura sono affiorate una serie di immagini nascoste. Inoltre è stato sfatato il mito che Caravaggio non abbia mai disegnato, dacché sono apparsi tratti di disegno sulla preparazione chiara utilizzata nelle opere giovanili”.
 
Quando aprirà la mostra ricordate di cercare tra tutte le opere il San Giovannino di Palazzo Corsini, dove le analisi hanno fatto emergere l’aggiunta di un agnello, simbolo iconografico poi eliminato.
 
La buona ventura, 1597
 
"DENTRO CARAVAGGIO": UN'OCCASIONE UNICA, ANCHE PER LE SCUOLE
È il sindaco Sala a sottolineare quanto “una mostra di richiamo mondiale fondata su queste premesse dovrà essere un’occasione non solo per il grande pubblico di appassionati, ma dovrà avvicinare all’arte moltissimi studenti e scuole di ogni ordine e grado".
 
"A questo – chiosa Sala – si aggiunge evidentemente un altro tassello che fa di Milano una città dal richiamo sempre più internazionale, in un momento dove stiamo riscontrando un interesse sempre crescente per i momenti di espressione artistica".
 
“Dentro Caravaggio” è promossa e prodotta dal Comune di Milano, Palazzo Reale e da MondoMostre Skira, in collaborazione coon il Mibact e con il sostegno economico del Gruppo Bracco, partner ufficiale dell’evento.
 
San Francesco in estasi, 1597

"DENTRO CARAVAGGIO"
Palazzo Reale di Milano
Dal 29 settembre 2017 al 28 gennaio 2018
Orari: dal martedi al venerdì e la domenica 9,30-19,30; giovedi e sabato dalle 9,30 alle 22,30
Biglietti (audioguida inclusa): intero € 13, ridotto € 11; ridotto speciale € 6; Biglietto famiglia 1 o 2 adulti € 11, ragazzi dai 6 ai 14 anni € 6, fino a 5 anni ingresso gratuito.
 
La mostra sarà scontata per i soci Tci. Associati subito al Touring Club Italiano.