Scopri il mondo Touring

Prosegue la ricerca dei nomi più curiosi degli abitanti di paesi e città d'Italia

Come si chiamano gli abitanti di Grinzane Cavour?

di 
Piero Carlesi
15 Gennaio 2015
Il borgo di Grinzane Cavour, in provincia di Cuneo, meno di 2mila abitanti, è famoso per essere la sede dell'Enoteca regionale del Piemonte e per essere stato sede (fino al 2009) del prestigioso premio letterario Grinzane Cavour. Inoltre la città si fregia da qualche anno  d'essere anche Bandiera arancione del Tci per le sue qualità turistico-ambientali certificate dal Tci. Il nome è un omaggio a Camillo Benso, conte di Cavour, che fu sindaco del borgo fino al 1848 e non va confuso con il borgo di Cavour, in provincia di Torino.

Ma come si chiamano gli abitanti di Grinzane Cavour? Verrebbe da dire grinzanesi.... invece no. Pensate, si chiamano gallesi. Sì, proprio come gli abitanti del Galles, in Gran Bretagna! La spiegazione ovviamente c'è: la frazione più popolosa del Comune è quella di Gallo, da cui il nome degli abitanti, per l'appunto.

 
CHE COSA NON PERDERE A GRINZANE CAVOUR
Innanzi tutto l'Enoteca regionale all'interno del Castello (tel. 0173.262159; www.castellogrinzane.com) che riaprirà il prossimo 7 febbraio; orario: dalle 9,30 alle 18 fino a marzo e fino alle 19 da aprile a ottobre; chiusa martedì. All'interno, il Museo etnografco delle Langhe che conserva anche cimeli cavouriani e il ristorante Al Castello (tel. 0173.262172; pure chiuso in gennaio). Nella bella stagione sono in programma attività didattiche per bambini della durata di circa tre ore.

Per saperne di più acquistate a prezzo scontato la Guida verde Piemonte del Tci!
 
I DINTORNI DI GRINZANE CAVOUR
Un paradiso per gli appassionati di enogastronomia è tutto il territorio circostante: siamo nelle Langhe, terra di grandi vini doc e docg, di formaggi, delle nocciole tonde gentili Igp e del celeberrimo tartufo d'Alba. Solo Barolo, Bene Vagienna, Bergolo, Cherasco, La Morra, Monforte d'Alba e Neive, tutte località Bandiera arancione del Tci, valgono una visita. La Morra è in bella posizione panoramica sulle colline circostanti, percorse, fra l'altro, da vari sentieri segnalati, tra i vigneti; Barolo vanta il Museo del vino presso il Castello, sede dell'omonima enoteca, Bene Vagienna è famosa per la zona archeologica di Augusta Bagiennorum nella frazione Roncaglia; a Bergolo non si può perdere la cappella romanica di S, Sebastiano del XII sec.; a Cherasco, famosa per l'armistizio del 1796 tra Napoleone e Vittorio Amedeo III, Re di Sardegna, meritano una visita il palazzo Salmatoris, residenza dei Savoia, e i bastioni cinquecenteschi; a Monforte d'Alba si apprezza l'impianto medievale del borgo arroccato sul colle e la piazza centrale a forma di anfiteatro; infine Neive, immerso nei vigneti, che conserva un borgo intatto, con nobili palazzi e i giardini dei conti di Castelborgo.

Per saperne di più, ecco il sito di Bandiere arancioni.