Scopri il mondo Touring

Continua la rassegna dei nomi più curiosi di chi abita in città e paesi d'Italia

Come si chiamano gli abitanti di Frosinone?

di 
Piero Carlesi
1 Novembre 2015
La domanda è diventata attuale proprio in questi giorni per sapere come indicare soprattutto i tifosi della squadra locale, neopromossa in Serie A del campionato di calcio.
 
Frosinone, capoluogo della Ciociaria, era al tempo dei Romani, Frusino Ernica. Va da sé quindi che il nome degli abitanti della città (e quindi anche dei tifosi della squadra di calcio) non può essere che frusinati, da Frusino. È città capoluogo dal 1927, quando fu costituita la provincia sottraendo Comuni al Roma e a Caserta.
 
CHE COSA NON PERDERE A FROSINONE
La città è divisa tra la parte antica e quella moderna; quella storica sorge su un colle che domina la piana del fiume Sacco; qui si trova la bella piazza Vittorio Veneto, che è una vera balconata sul panorama sottostante, composto in lontananza dai monti Ernici e dai Lepini. Qui da non perdere la Cattedrale, il Museo archeologico che conserva molti reperti d'epoca volsca trovati in Ciociaria e le rovine dell'anfiteatro romano.

Per saperne di più, acquistate a prezzi scontati la Guida Verde Lazio
 
NEI DINTORNI
San Donato Val di Comino
Tutti da visitare i dintorni della città, a partire dalla celebre abbazia benedettina di Casamari, raggiunta dalla strada regionale 214 a scorrimento veloce; dell'abbazia notate la variante gotica dell'architettura cistercense e non perdetevi la liquoreria dei monaci (dove è in vendita la speciale Tintura imperiale).
Più avanti, oltre Isola del Liri e Sora, arroccato sul monte, quasi al confine con il Molise ecco San Donato Val di Comino, 728 m (51 km da Frosinone), borgo certificato dal Tci con la Bandiera arancione per le qualità turistico ambientali. Siamo a due passi dal Parco nazionale d'Abruzzo (più a monte la forca d'Acero permette di scendere a Opi e Pescasseroli), ma al di là della natura (da qui partono interessanti trekking), il borgo, di origine medievale, dominato da una torre, si fa apprezzare per le sue viuzze antiche, gli archi tra le case e i palazzotti, i sottoportici e le mura poligonali d'epoca romana. A tavola, gustatevi gli ottimi formaggi di capra e di pecora.
Per saperne di più consultare anche la scheda del borgo nel sito della Bandiere arancioni.
 
Arpino e Collepardo
Altri borghi nei dintorni di Frosinone, pure Bandiere arancioni del Tci, sono Arpino, 447 m, luogo natale di Cicerone a Caio Mario (potete visitare il Museo delle Arti fotografiche, quello della Liuteria e quello del'Arte della lana e la cosiddetta Torre di Cicerone) e Collepardo, 586 m, arroccato su uno sperone dei monti Ernici, di impianto medievale, con le antiche mura, sei torri e le case che fanno corona al Palazzo comunale e alla Cattedrale. Nei dintorni, curiosità naturale è la grotta dei Bambocci (o Pozzo d'Antullo), con stalagmiti che hanno la forma di bambini, visitabili solo con le guide turistiche locali e la certosa di Trisulti, immersa nel bosco.
Per ulteriori info consultare anche le schede dei borghi di Arpino e Collepardo nel sito della Bandiere arancioni.