Scopri il mondo Touring

L’ingresso contingentato al Colosseo riapre la discussione sul numero chiuso in musei e monumenti. Giusto o sbagliato?

Bellezze a tempo, la vostra opinione?

di 
Tino Mantarro
4 Gennaio 2012

I gladiatori? Per molti, ma non per tutti. Anche al Colosseo infatti arriva il numero chiuso. Entro Pasqua, non più di 6mila persone simultaneamente potranno visitare l’anfiteatro Flavio. Pochi, rispetto ai 50mila che poteva contenera durante i giochi dell’antichità, ma abbastanza per rendere godibile una visita che altrimenti rischierebbe di essere sovraffollata. Il flusso, spiegano alla Soprintendenza, verrà regolato da alcuni tornelli che conteranno il numero di ingressi e il contestuale numero di uscite, in modo da non sovraffollare la struttura. “L’obiettivo - spiega la soprintendente Anna Maria Moretti - è il controllo delle presenze per non raggiungere livelli di rischio e,  d’altra parte, consentire l’adeguata fruibilità del monumento”. 

 

 

Il tetto agli ingressi per motivi di tutela non è certo una novità. A Milano, al Cenacolo vinciano, possono accedere non più di 25 persone alla volta che possono sostare massimo 15 minuti. In questo caso la giustificazione è di carattere conservativo: “L’estrema fragilità del dipinto ha portato oggi all’adozione di rigorose misure di salvaguardia per evitare gli sbalzi di umidità, l’inquinamento atmosferico e le polveri”. Lo stesso accade, da anni, alla Cappella Scrovegni a Padova, dove numero di ingressi e tempo di permanenza sono contingentati e legati a una visita guidata, come anche sulla torre di Pisa.
 

 

 

 

La questione dunque non è tanto, o non soltano, lo stress cui vengono sottoposti, i monumenti ma anche permettere ai visitatori (paganti) di approfittare al meglio della loro esperienza di visita senza doversi contendere lo spazio vitale sgomitando con altre migliaia di malcapitati. Una misura di buonsenso che forse potrebbe essere applicata anche ad altri monumenti per migliorarne la fruibilità. Secondo voi quali altri tesori italiani meriterebbero un numero contingentato di ingressi? In quali musei non siete riusciti a godervi la visita perchè c’era troppa gente? La Basilica di San Marco? Gli Uffizi? La Cappella Sistina? Gli scavi di Pompei? Dite la vostra.