Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Notizie di viaggio
  • >
  • Arte in cantina. Nelle Langhe, in occasione della Fiera del tartufo

Design, mecenatismo e stelle Michelin: scopriamo le tenute Ceretto di Alba

Arte in cantina. Nelle Langhe, in occasione della Fiera del tartufo

di 
Luca Bonora
10 Ottobre 2013

Quattro le sedi delle cantine Ceretto: Monsordo Bernardina di Alba è la principale, le altre sono a Castiglione Falletto, Barbaresco e Santo Stefano Belbo, sempre in provincia di Cuneo. La tenuta Monsordo Bernardina è il centro nevralgico, qui si concentrano gli uffici e il magazzino; è qui che nel 2009 viene realizzato un nuovo spazio dal moderno design dedicato alla degustazione dei vini, alla loro vendita, alla promozione di incontri, convegni ed eventi culturali, l'Acino. E non è l'unico elemento architettonicamente spettacolare delle cantine Ceretto: a Castiglione Falletto, in località Bricco Rocche, dove nascono le docg del barolo, nel 2000 viene realizzato il Cubo di vetro; prima ancora, nel 1997 affidano a Sol LeWitt e a David Tremlett il recupero della SS. Madonna delle Grazie, una piccola cappella edificata nel primo Novecento tra le vigne di Brunate e mai consacrata: questo il sorprendente risultato. Tutti luoghi visitabili, seppur con modalità differenti.



L'attenzione al mondo dell'arte si concretizza anche con attività di mecenatismo: dopo una mostra personale ospitata al Moma di New York, i Falletto hanno portato ad Alba, in concomitanza con l'imminente Fiera del tartufo, una mostra di Ellsworth Kelly omaggio alle Langhe e alle sue colline attraversate dal Tanaro: «Rivers». Opere giovanili in bicromia bianco-nero e tecniche miste. per uno dei più apprezzati esponenti dell'Hard Edge Painting ("pittura a contrasti netti"). Dal 1999 la famiglia albese promuove eventi e mostre d'arte che legano New York e in generale l'arte contemporanea americana alle Langhe.



La cantina resta comunque una cantina, ovvero un luogo dove nasce il vino: fedeli alla tradizione, i Ceretto realizzano le doc e docg storiche di quest'area: i bianchi langhe doc Arneis e bianco, gli spumanti moscato e Asti, e soprattutto i rossi delle Langhe: dolcetto, barbera, nebbiolo, barbaresco e barolo. Ideali compagni di una degustazione di tartufo, che sarà protagonista anche nei menù dei due ristoranti della famiglia Ceretto, La Piola, elegante bistrot di cucina piemontese e il Piazza Duomo di Alba guidato dallo chef tristellato Enrico Crippa. Un locale premiato non solo dai gourmet, ma anche dal pubblico: su Tripadvisor, è il primo tra 98 ristoranti di Alba e dintorni.