Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Notizie di viaggio
  • >
  • Apre vicino a Pisa il più grande acquario d’acqua dolce d’Italia

Grande oltre 500 metri quadri, è situato nel complesso della certosa di Calci

Apre vicino a Pisa il più grande acquario d’acqua dolce d’Italia

di 
Piero Carlesi
17 Maggio 2016

Pochi giorni fa è stato inaugurato alla Certosa di Pisa, presso Calci, il più grande acquario d’acqua dolce d’Italia. La nuova struttura si trova nel Museo di Storia Naturale dell’Università di Pisa che è ospitato all'interno della monumentale Certosa edificata nel Trecento e successivamente più volte modificata. La spettacolare esposizione, con i suoi oltre 500 metri quadri di ampiezza e gli oltre 60mila litri d’acqua, è organizzata in cinque settori con grandi vasche dedicate alle acque interne, tutta all’interno delle cantine trecentesche della Certosa.
 

LA STRUTTURA DELL'ACQUARIO 
La penombra subacquea dei sotterranei, il silenzio delle voci smorzate dalle pareti, la memoria storica che questi corridoi ora nuovamente pieni di vita custodiscono, tutti questi elementi conferiscono alla galleria una suggestione senza uguali.
 
Il primo settore dell'acquario di Calci è dedicato al Lago Tanganica e ai pesci delle sue scogliere. Il secondo vuole dare un quadro dell’evoluzione dei pesci, dalle razze ai pesci palla d’acqua dolce, dai pesci primitivi che hanno dato origine agli anfibi (come il dipnoo), al ritorno all’acqua, qui rappresentato dalle graziose tartarughe. Il terzo settore è dedicato alle coloratissime carpe Koi, mentre il quarto e il quinto danno spazio alla biodiversità dei pesci del mondo, con vasche dedicate all’Europa, all’Africa, all’Asia e all’America, che ospitano una grandissima varietà di specie.
 
 
«Molti pensano che la biodiversità dei pesci ci sia solo in mare ma naturalmente non è così – dichiara Roberto Barbuti, direttore del Museo di Storia Naturale di Pisa – le nostre vasche colpiscono per varietà di forme e di colori, dai pesci alligatore, ai gourami giganti, che vivono nelle risaie asiatiche, ai piranha, fino al pesce gatto con la coda rossa che può superare anche i 20 chili di peso».
 
L'acquario di Calci accoglie una biodiversità incredibile, con esemplari quasi unici, come i Phreatichthys andruzzii, dei piccoli pesci molto particolari, senza occhi, scaglie o pigmento originari delle grotte della Somalia, probabilmente già estinti in natura.
 
 
«Un primo nucleo dell’acquario di Calci, con 24 vasche dai 700 ai 1.500 litri, era già presente al Museo dal 2008 - spiega Roberto Barbuti - l’attuale ampliamento è stato possibile anche grazie al contributo della Fondazione Pisa, dell’Università e con un consistente investimento da parte del Museo stesso, grazie al quale abbiamo potuto installare altre dodici grandi vasche che vanno dai 3.000 ai 10.000 litri».
 

INFORMAZIONI
Acquario di Calci
Tel. 050.2212970 e 050.2212990; www.msn.unipi.it.
Il Museo di Storia Naturale (via Roma 79, Calci) si trova a circa 10 km da Pisa e offre la possibilità di posteggiare auto e caravan vicino all’ingresso.
Orario invernale (dal 16 settembre al 31 maggio): tutti i giorni 9-19. Chiuso il 25 dicembre e il 1° gennaio.
Orario estivo (dal 1° giugno al 15 settembre): tutti i giorni ore 10- 20.