Scopri il mondo Touring

Quando un gioco virale diventa l’occasione per (ri)scoprire la città. E la sede di corso Italia...

Anche il Touring nella app PokemonGo

di 
Luca Bonora
20 Luglio 2016
La app Pokémon Go è uscita da pochi giorni ed è diventata subito popolarissima. E anche il Touring è in qualche modo coinvolto. Ma di cosa si tratta? Come funziona?

Il primo videogame sui Pokemon uscì nel 1996 per il Gameboy e divenne estremamente popolare, vendendo fra sequel e spin off qualcosa come 280milioni di copie. Sono passati vent’anni, i ragazzini di allora sono cresciuti, ma evidentemente la passione è rimasta forte, se è vero che Pokemon Go è la app più scaricata di sempre ed è il trend topic su twitter, per dirne una, oltre a una vera e propria mania.
 
 
COME FUNZIONA
Anche per la nuova app, l’idea di fondo è quella di sempre: il giocatore è un allenatore di Pokemon, queste simpatiche creaturine colorate che hanno la capacità di evolvere, ovvero diventare momentaneamente più grandi, forti e  potenti, così da sfidare in combattimento altri allenatori. I Pokemon non sono tutti uguali: più sono rari, ovviamente e più sono forti. Perciò è fondamentale trovarli.

Pokemon Go si incentra proprio su questo, la ricerca di nuovi Pokemon. Ma lo fa sfruttando la realtà aumentata e il sistema Gps. Intorno a noi sono nascoste centinaia e centinaia di pokemon che aspettano solo di essere agganciati. Naturalmente per “vederli” è necessario attivare la app, il che spiega perché spesso si vedono in giro ragazzini (e non solo) vagare per la città e per le campagne fissando lo schermo del cellulare: è solo filtrando la realtà attraverso lo schermo, questo il senso della realtà aumentata, che si possono individuare.
 
Una volta trovati, vanno catturati (ovvero fotografati con la app). Aumentando di livello, si potrà poi accedere ai luoghi dove affrontare gli altri allenatori di Pokemon, nelle palestre (sempre virtuali, s'intende). Pokémon Go è gratuita ma come spesso accade per le app game di oggi, prevede la possibilità di acquistare potenziamenti durante il gioco, pagandoli con soldi veri.
 
 
LA SEDE DEL TOURING E' UN POKESTOP
I luoghi in cui si trovano i Pokemon sono prestabiliti, così come sono stabiliti i pokéstop, luoghi dove ricevere oggetti indispensabili nel gioco, come la Pokeball per catturare i mostriciattoli; questi ultimi sono punti di interesse di Google Maps, come monumenti, installazioni artistiche, edifici importanti e così via. Dunque è già possibile fare una mappatura dei pokéstop, anche se molto circostanziata, perché i luoghi sono davvero moltissimi.

La sede del Touring è fra questi: davanti al palazzo di corso Italia 10, a Milano, è infatti possibile trovare un animaletto (o in alternativa una pokeball e altri potenziamenti necessari al gioco). Altri pokéstop in centro a Milano sono palazzo Marino, sede del Comune di Milano, nella piazza omonima; il monumento di piazza Diaz; la chiesa di S. Satiro, i ruderi della chiesa di S .Giovani in Conca, che tra l’altro sono due luoghi Aperti per voi dai volontari Tci per il Patrimonio culturale (per saperne di più, clicca qui). Chissà che la mania del momento non porti un piacevolissimo effetto collaterale: portare i giovanissimi presso luoghi d’arte e cultura che fino a ieri ignoravano, invogliandoli a entrare e a visitarli.

E’ anche l’invito che ha fatto di recente Matteo Boca, video blogger che si occupa di giochi: “Dovrebbero far apparire i Pokemon dentro ai musei, o in cima a montagne con panorami bellissimi... si unirebbe una crescita personale reale oltre che a quella virtuale.” Difficile non essere d’accordo con lui.