Scopri il mondo Touring

Alle terme, anche a Monza

di 
Luca Bonora
2 Dicembre 2009

Tra i settori di turismo che sembrano non conoscere crisi, anzi, vanno a gonfie vele, c'è sicuramente quello termale, che ha trovato nuova linfa vitale nel trasformarsi da luogo di cura a luogo di relax e benessere, aperto a tutti. Questa nuova tendenza è stata già raccontata recentemente anche dal nostro mensile Qui Touring. Le previsioni per le vacanze di Natale parlano di incrementi delle presenze, in alcune strutture, addirittura del 300%.


La Lombardia è una delle regioni che più sta muovendosi in questa direzione, e quindi non stupisce se, a due anni esatti di distanza dalla nascita delle TermeMilano, anche la città di Monza, a due passi dalla metropoli, veda inaugurarsi le proprie terme proprio in questi giorni, e precisamente il 5 dicembre.

TermeMonza apre in via Santuario delle Grazie Vecchie, a poca distanza dal parco della Villa Reale, e fa propria la filosofia delle terme romane come luoghi di svago, benessere e incontro. Il percorso benessere si sviluppa in una ventina di ambienti tra cui biosaune, bagni turchi, sale relax, docce scozzesi, docce emozionali, calidarium, savonage e altro ancora. Non mancano diverse vasche idromassaggio e una grande vasca all’aperto, alimentata con acqua mineralizzata con le stesse caratteristiche di quella che sgorga dalle sorgenti termali di Bormio. Oltre al percorso libero, è possibile seguire gli incontri tenuti dai maestri del benessere, esperti che seguono gli ospiti con suggerimenti ma anche veri e propri corsi di wellness nei vari ambienti a disposizione.


Compreso nel biglietto d'ingresso un buffet light a base di frutta, yogurt, succhi, prodotti da forno e altro ancora. Biglietto d'ingresso che... non ci sarà fino al 9 dicembre: dal giorno dell'inaugurazione fino all'Immacolata, infatti, TermeMonza lancia l'iniziativa Open days, con ingresso libero dalle 10 alle 19.


Sembra dunque confermata la tendenza ad aprire strutture termali anche nelle grandi città o comunque in luoghi dove storicamente sono assenti le acque curative. Certo, non sempre i risultati saranno all'altezza delle aspettative: invitiamo dunque soci e lettori a segnalarci le strutture che hanno personalmente testato, dandoci anche un loro giudizio sulla qualità del servizio e degli impianti.