Scopri il mondo Touring

In vista dei lavori di messa in sicurezza dell'area archeologica colpita dall'alluvione

Un appello del Tci per salvare Sibari

di 
Touring Club Italiano
27 Gennaio 2014

Franco Iseppi, Presidente del Touring Club Italiano, grazie alla preziosa segnalazione del gruppo consolare della Calabria, rivolge un appello alle autorità locali perché vengano realizzati tempestivamente gli interventi d’urgenza per la messa in sicurezza dell’area archeologica di Sibari (Cs), testimonianza di una delle più ricche e importanti città della Magna Grecia, e scongiurare il rischio di alluvioni come avvenuto lo scorso anno. L’intero sito è stato duramente colpito dall’alluvione provocata dal cedimento degli argini del fiume Crati.

 

“Alla vigilia dell’assegnazione dell’appalto per i lavori di valorizzazione e ampliamento dell’area archeologica di Sibari - afferma Franco Iseppi, presidente del Touring Club Italiano - il Touring Club chiede che vengano fatti al più presto adeguati interventi agli argini del fiume Crati in modo da evitare nuovi allagamenti e dare la possibilità di iniziare i lavori di valorizzazione.

 

Va ridata sicurezza e sostenibilità – continua Iseppi - al fragile equilibrio idrogeologico di questa meravigliosa Regione, il cui potenziale turistico è tutto da sviluppare soprattutto nei confronti dei turisti stranieri. Tenuto conto che in Calabria solo il 20% delle presenze sono straniere e la spesa turistica internazionale, pari a 145 milioni di euro, pesa appena per lo 0,5% su quella registrata a livello nazionale.

 

Partiamo da qui, da Sibari, un bene culturale prezioso per l’Italia intera, per rilanciare l’immagine della Calabria come meta turistica, grazie alla cultura e allo scopo di dare corpo al sogno di una nuova Magna Grecia, facendone un meraviglioso parco archeologico.”

 

Il Touring vuole fare la sua parte e si mette a disposizione, fin da subito, con il corpo consolare della Calabria, per monitorare e sostenere il miglior svolgimento delle attività di salvaguardia del territorio e per contribuire, al momento opportuno, alla massima valorizzazione ed animazione del sito, contribuendo allo sviluppo turistico culturale dell’area con azioni di promozione e iniziative rivolte non solo ai soci Tci ma anche a cittadini e turisti.