Scopri il mondo Touring
  • Home
  • News Touring
  • >
  • Nel Biellese, sulle tracce del Rinascimento

Partono il 1° maggio gli itinerari di visita promossi dal Club di territorio

Nel Biellese, sulle tracce del Rinascimento

di 
Renato Scialpi
28 Aprile 2015
Dipinto di profilo, nelle tavole quattrocentesche di Bernardino dei Conti conservate a palazzo La Marmora di Biella, il nobiluomo ricorda un Malatesta. In realtà si tratta di Sebastiano Ferrero, personaggio chiave del Rinascimento piemontese che nella seconda metà del Quattrocento ricoprì incarichi diplomatici di grande importanza: dapprima presso i Savoia e poi nel ducato di Milano durante il governo francese, oltre a essere un grande mecenate e committente di opere d'arte e costruzioni. Una figura che Pompeo Litta, nella sua Storia delle 113 famiglie celebri italiane volle così ricordare: «uomo famoso per avvedutezza, perspicacia, intraprendente e generoso, stette molti anni ministro in Milano (…) e vi fu molto amato ed egli fu sì contento della stima e dell’affezione dei milanesi per lui, che in Biella alzò altissima torre, per vedere almeno da lontano la guglia del Duomo di Milano, che in allora si stava errigendo».
 
L'ITINERARIO
Sebastiano Ferrero è la fonte d'ispirazione di un itinerario, ideato dal comitato che porta il suo nome e promosso dal Club di territorio di Biella nell'ambito del progetto Tesoro Italia, che a partire dal 1° maggio condurrà a conoscere meglio i luoghi legati a questo protagonista del Rinascimento: a Biella, la basilica, il chiostro di S. Sebastiano, palazzo La Marmora e i documenti conservati nell'Archivio di stato; a Candelo, il borgo medievale del Ricetto con la torre del Principe; a Benna, la chiesa di S. Pietro e il castello; a Masserano, il palazzo dei Principi.
 
IL PUNTO DI PARTENZA
Punto di partenza dell'itinerario è l'affresco seicentesco che decora la volta della Sala dei castelli a palazzo La Marmora: vi è raffigurata la mappa dei 32 feudi della famiglia Ferrero. E costituisce la chiave di lettura fondamentale per affrontare il paesaggio culturale biellese e apprezzare i percorsi di valorizzazione messi in campo dall'iniziativa.
 
IL CALENDARIO
Il progetto I luoghi di Sebastiano Ferrero: prelati, falsari e contadini prende il via tra il 1° e il 3 maggio e proseguirà fino al prossimo autunno. Qui di seguito segnaliamo le iniziative a ingresso gratuito o scontato per i soci Touring.
 
1-2-3 MAGGIO
Ingresso gratuito
A Biella, palazzo La Marmora, basilica e convento di S. Sebastiano (Museo del Territorio Biellese), castello e chiese di S. Pietro e S. Giovanni di Benna, ricetto di Candelo, palazzo dei Principi di Masserano
Visite alle ore 15 e 16.30
DOMENICA 14 GIUGNO
Ingresso: 4 € per ogni sito – 3 € per soci TCI
A Biella, palazzo La Marmora, basilica e convento di S. Sebastiano (Museo del Territorio Biellese), Archivio di Stato di Biella (ingresso gratuito)
Visite alle ore 11, 15 e 16.30
DOMENICA 21 GIUGNO
Ingresso: 4 € per ogni sito – 3 € per soci TCI
Castello e chiese di S. Pietro e S. Giovanni di Benna, ricetto di Candelo, palazzo dei Principi di Masserano
Visite alle ore 11, 15 e 16.30
DOMENICA 27 SETTEMBRE
Ingresso: 4 € per ogni sito – 3 € per soci TCI
Castello e chiese di S. Pietro e S. Giovanni di Benna, ricetto di Candelo, palazzo dei Principi di Masserano
Visite alle ore 11, 15 e 16.30
DOMENICA 4 OTTOBRE
Ingresso: 4 € per ogni sito – 3 € per soci TCI
A Biella, palazzo La Marmora, basilica e convento di S. Sebastiano (Museo del Territorio Biellese), Archivio di Stato (ingresso gratuito), ricetto di Candelo.
Visite alle ore 11, 15 e 16.30
 
Sono gradite le prenotazioni scrivendo a itinerario.sebastianoferrero@gmail.com o contattando i seguenti numeri:
- Museo del Territorio 015.2529345; Palazzo La Marmora 331.6797410; Archivio di Stato 015.21805; Candelo 015.2536728; Benna 349.0717183; Masserano 329.7251904