Scopri il mondo Touring
  • Home
  • News Touring
  • >
  • Mantova: 50mila euro dal Touring per Santa Barbara

Oggi la cerimonia di consegna al vescovo, monsignor Busti

Mantova: 50mila euro dal Touring per Santa Barbara

di 
Renato Scialpi
23 Ottobre 2014

Ci sono molti modo diversi per adottare un monumento. Si può contribuire al suo mantenimento, lo si può tenere aperto o si può dare una mano concreta per il suo restauro. Il Touring Club Italiano, i suoi soci e, in particolare, i suoi volontari per il Patrimonio culturale a Mantova hanno scelto di impegnarsi per la basilica palatina di Santa Barbara in tutti questi modi.

LA RACCOLTA FONDI
Dal 2008, nell'ambito dell'iniziativa "Aperti per Voi", i volontari Tci hanno reso accessibile la basilica a più di 200mila visitatori. Dopo il terremoto del 29 maggio 2012 il Touring ha attivato una raccolta fondi tra i suoi soci e sostenitori per finanziare il restauro del cupulino crollato in parte dopo le scosse che hanno colpito l'Emilia e la Bassa Lombardia. Raccolta fondi che oggi segna una nuova tappa: il console di Mantova Toni Lodigiani consegna a nome dei volontari Tci per il Patrimonio culturale a monsignor Roberto Busti, vescovo della città, 10mila euro raccolti a favore della ricostruzione di Santa Barbara. Raggiunge quindi quota 50mila euro il contributo agli interventi del Touring Club Italiano, visto che la cifra odierna si aggiunge ai 40mila euro che l’associazione nel  2013, a un anno dal sisma, aveva raccolto – e consegnato alla Curia - grazie alla sottoscrizione “Diamo una mano a far risorgere Santa Barbara a Mantova” aperta all’indomani dal sisma.

LE ALTRE INIZIATIVE
Dopo l'iniziale raccolta fondi, infatti, il Tci ha organizzato altre iniziative che hanno consentito di ampliare la cifra raccolta. Come, ad esempio, l’esposizione itinerante dedicata alla basilica (ancora visitabile all’interno della chiesa) realizzata grazie ai 30 scatti di Toni Lodigiani, console del Touring e fotografo, che ha immortalato i momenti più significativi dopo il crollo che ha colpito e distrutto il lanternino del campanile della chiesa e i lavori di messa in sicurezza che hanno consentito la riapertura del sito. Senza dimenticare il restauro delle decorazioni dell’altare della Sagrestia, frutto di un progetto lungo due anni. All'inizio del 2012, infatti, il Touring si è fatto promotore di una operazione “partecipata” di restauro conservativo delle decorazioni dell’altare della Sagrestia di Santa Barbara. Intervento che ha coinvolto gli Istituti Santa Paola e la Scuola di Restauro, la Curia Vescovile, la Soprintendenza e il Comune di Mantova.

 

Info: www.apertipervoi.it.