Scopri il mondo Touring
  • Home
  • News Touring
  • La Certosa di Milano (a Garegnano) è un nuovo luogo di Aperti per Voi

La chiesa quattrocentesca è dal 22 settembre sotto la tutela dei Volontari TCI

La Certosa di Milano (a Garegnano) è un nuovo luogo di Aperti per Voi

19 Settembre 2017

Un altro luogo simbolico della ricchezza dei beni culturali italiani entra nella cerchia dei Beni tutelati e promossi dal Touring Club Italiano con la sua iniziativa “Aperti per Voi”. La Certosa di Milano (a Garegnano), ma per tutti i milanesi La Certosa di Garegnano, sarà dal prossimo 23 settembre inserita nel circuito dei luoghi Aperti per Voi. La Certosa è il il 18° luogo che, a Milano, si avvale della collaborazione del Soci Touring Volontari per il Patrimonio Culturale per garantire l’accoglienza dei visitatori nel luogo.

I Volontari del Touring Club Italiano collaboreranno per garantire il servizio di accoglienza e presidio della Certosa di Garegnano tutti i sabati dalle 9.30 alle 17,30 e la domenica dalle 13,30 alle 17,30. La Certosa si trova nel quadrante nord-occidentale di Milano, più precisamente oltre Piazzale Accursio e viale Certosa proseguendo verso il cavalcavia del Ghisallo.

LA STORIA DELLA CERTOSA DI GAREGNANO
La Certosa è stata fondata dall’arcivescovo Giovanni Visconti il 19 settembre 1349 e venne ampliata e ristrutturata negli ultimi decenni del ‘500. Ricordata nella sua forma “primitiva” da Francesco Petrarca in un lettera del 1357, nel corso dei secoli importanti artisti di area lombarda contribuirono ad arricchirne il fascino.
 
Dal portale, attraverso l’atrio e un suggestivo ingresso a forma ellittica, si raggiunge la chiesa di Santa Maria Assunta, con una facciata ultimata nel 1608. L’interno è impreziosito dagli affreschi di Daniele Crespi (1629) che lasciò sulla volta e sulle pareti il suo ciclo di decorazioni più ricercate.
 
Parti della Certosa vennero assegnate a diversi proprietari che le utilizzarono come residenze per gli agricoltori che coltivavano le terre circostanti precedentemente di pertinenza dei monaci. Solamente grazie all’intervento di don Filippo Premoli, parroco del paese di Garegnano, la chiesa monastica e alcune parti del monastero affidate alla cura parrocchiale, per concessione del governo austriaco, si salvarono del degrado, interrompendo così la perdita di preziose attestazioni come gli affreschi del Crespi che decoravano la cella del priore.
 
La parrocchia di Garegnano si installò così (1783) negli spazi dell’antico monastero e mutò la denominazione assumendo la dedicazione a Santa Maria Assunta in Certosa. E In occasione dell’anniversario di fondazione il prossimo 19 settembre si terrà la conferenza stampa per comunicare la nuova affascinante collaborazione.
 
 
Un dato che sottolinea il successo di Aperti per Voi è quello che conta dal 2005 a oggi 3.800.000 visitatori accolti solamente nella città di Milano.