Scopri il mondo Touring

Giovedì 21 novembre, al palazzo dei Congressi, la presentazione di una ricerca-pilota sulla raccolta dei rifiuti

Il Touring e Conai a EcoCity Expo

di 
Renato Scialpi
20 Novembre 2013
Si svolge a Pisa dal 21 al 24 novembre EcoCity Expo, appuntamento internazionale che riunisce operatori e tecnici dei settori dell'ambiente e dell'ecologia provenienti da tutto il mondo. Un evento in cui Touring Club Italiano e Conai, Consorzio nazionale imballaggi che in tutta Italia garantisce il riciclo e il recupero dei materiali di imballaggio come acciaio, alluminio, carta, legno, plastica e vetro, propongono i risultati della ricerca congiunta “La raccolta differenziata nelle destinazioni turistiche”.
 
La presentazione dello studio Tci-Conai è in programma venerdì 22 novembre, presso l’Auditorium del Palazzo dei Congressi (via Giacomo Matteotti 1) a partire dalle ore 14,30; partecipano Pierluigi Gorani di Conai e Matteo Montebelli del Centro studi del Touring Club Italiano con una introduzione che propone elementi di scenario sul sistema di differenziazione e riciclo dei rifiuti e i principali risultati dello studio. L’incontro prosegue con una tavola rotonda, moderata da Marco Gisotti, autore di "Guida ai green jobs" e coordinatore del gruppo di lavoro sui green jobs per la Conferenza nazionale sulle aree protette, alla quale prendono parte Roberto Morabito di Enea (Progetto Egadi su turismo e rifiuti), Micaela Solinas di Cts formazione (le professioni del turismo), Lucia Ventura coordinatrice di Federparchi Toscana e presidente del Parco della Maremma.
 
La ricerca TCI-Conai, che analizza il rapporto tra turismo e produzione dei rifiuti sensibilizzando operatori e turisti sull’importanza di adottare comportamenti virtuosi, è nata nel 2012 con l’obiettivo di valutare il ruolo del turismo nella produzione dei rifiuti nelle destinazioni più frequentate e come i flussi turistici incidono nell’attività di differenziazione dei rifiuti stessi. Una ricerca che ha applicato sperimentalmente un modello di stima dell’impatto del turismo sui rifiuti in alcune destinazioni-pilota italiane (Val di Fassa, Alto Garda-Ledro, Ostuni e Riviera della provincia di Latina) e anche su Pisa per il turismo culturale.