Scopri il mondo Touring
  • Home
  • News Touring
  • >
  • Carditello: una vittoria per l'Italia intera

Il ministro Bray annuncia di avere "ricomprato" la reggia dei Borbone

Carditello: una vittoria per l'Italia intera

di 
Renato Scialpi
9 Gennaio 2014

Sono davvero felice di avere mantenuto la promessa fatta a Tommaso. Ora Carditello appartiene ai cittadini” E' con questo tweet che il ministro Massimo Bray ha annunciato come, dopo anni di degrado e saccheggi, fosse riuscito a mettere fine alla tormentata vicenda del casino di caccia di Carlo di Borbone, firmato da Francesco Collecini, allievo di Vanvitelli. Una vittoria per il patrimonio culturale italiano che ha anche un risvolto umano toccante: Tommaso Cestrone, il volontario della protezione civile che da quasi due anni si occupava di difendere il complesso da furti e vandalizzazioni, è stato stroncato da un infarto il 25 dicembre scorso.

 

Un tema, quello del degrado della reggia borbonica di Carditello a San Tammaro nella piana casertana, molto caro anche al Touring Club Italiano, che già nel terzo numero del nuovo periodico Touring, il nostro modo di viaggiare (giugno 2012) aveva contribuito a lanciare l'allarme non solo sullo stato pietoso in cui vertono gli edifici settecenteschi, ma soprattutto sul rischio che il meccanismo delle aste giudiziarie potesse permettere alle cosche della vicina Casal di Principe di “mettere le mani” sui superstiti 80mila metri quadri di fabbricati e 15 ettari di parco e coltivi.

 

Un allarme rilanciato dal Touring nella primavera 2013 attraverso una tappa dell'iniziativa La Penisola del Tesoro: evento inizialmente previsto a Carditello e poi, in seguito al divieto d'accesso al complesso da parte dell'esecutore giudiziario, sfociato in una tre giorni di convegni (8-10 marzo) a Capua sul tema dei Beni culturali aperta dall'incontro “Carditello: un esempio di Bene culturale violato e negato” che ha visto la partecipazione di tutti i massimi esponenti della nostra associazione.

 

Ecco perché il Touring Club Italiano non solo saluta con entusiasmo questo “successo” del ministro Bray, ma già fin d'ora, in vista della futura apertura al pubblico del complesso di Carditello, si mette a disposizione con i propri soci volontari per il Patrimonio culturale per garantire l'accessibilità e l'accoglienza al pubblico della reggia borbonica di San Tammaro nell'ambito dell'iniziativa Aperti per Voi.