Scopri il mondo Touring

Il palazzo di corso Italia si spegne in occasione della campagna di Caterpillar

Anche il Touring spegne le luci

di 
Tino Mantarro
15 Febbraio 2011

Spegnere le luci e iniziare a pensare. Serve davvero questo profluvio di illuminazione che rischiara le notti italiane? Ha senso illuminare a giorno ogni cosa e poi lamentarsi dei consumi, dell’inquinamento luminoso, dei costi ambientali ed economici dell’energia per il sistema Italia? Forse no. Forse occorre davvero illuminarsi di meno e soprattutto iniziare a farlo meglio. E’ questo il senso profondo dell’ìniziativa M’illumino di meno, lanciata nel 2005 dal programma di RadioRai Caterpillar a cui quest’anno aderisce anche il Touring club Italiano, che venerdì 18 febbraio spegnerà le luci nella storica sede milanese di Corso Italia 10. E il Touring ha invitato a fare altrettanto anche i 180 Comuni Bandiera arancione, sollecitandoli a oscurare, nello stesso momento, edifici e monumenti simbolici delle lore città.


 


Le prime Bandiere arancioni ad aderire sono state Varallo (Vc), Dolceacqua (Im), Città della Pieve (Pg), Sarteano (Si) e Avignana (To). Ognuna a suo modo parteciperà alla giornata e sensibilizzerà cittadini e visitatori ai temi del risparmio energetico. Quest’anno, contestualmente agli spegnimenti simbolici, M’illumino di meno invita anche ad accendere le luci, purché siano a basso impatto, alimentate con energia pulita e soprattutto a tema tricolore. Con quest’iniziativa infatti Caterpillar vuole celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia invitando tutti a riflettere non solo sull’eccessivo consumo, ma anche sulla necessità di investire su fonti di produzione alternativa e pulita. Perché oltre che a illuminarsi di meno, occore pensare a illuminarsi meglio.