Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Itinerari e weekend
  • In camper nel cuore dell’Umbria, da Narni alla Cascata delle Marmore

Un itinerario in Valnerina tra archeologia industriale, rocce, acqua e testimonianze medievali

In camper nel cuore dell’Umbria, da Narni alla Cascata delle Marmore

di 
Fabrizio Milanesi
6 Novembre 2017
La bellezza dell’Umbria ha molti volti, artistico, storico, religioso, gastronomico, ma è la natura che li comprende a rendere davvero intima l’atmosfera di questa regione non più solo di passaggio, anzi. Con un camper possiamo avventurarci nella fascinosa Valnerina, che da Narni si arrampica fino al Vallo di Nera. Anche se la provincia di Terni è spesso identificata con il suo capoluogo a vocazione industriale, il territorio meridionale dell’Umbria riserva delle gemme naturalistiche da non perdere, su tutte la Cascata delle Marmore.
 
Se avete un camper, pensate a un’assicurazione con Linea Strada InCamper, il prodotto innovativo e conveniente di Vittoria Assicurazioni dedicato al mondo del camper!

Per richiedere un preventivo personalizzato, basta andare sul sito www.rcamper.it o chiamare il numero verde 800 403060: in pochi minuti potrete scoprire i vantaggi esclusivi dell'offerta ed acquistare direttamente la vostra assicurazione!
 
LA STORIA DI NARNI E L'ENERGIA DI TERNI
Si arriva direttamente dalla A1 e dalla E45, e in entrambi i casi prima di fare rotta verso Terni il consiglio e prevedere una breve deviazione per Narni, adatta a ospitare camper e caravan con zone attrezzate.
 
A Narni si può approfittare per iniziare con un avvicinamento progressivo alla cucina ternana, che esalta le colture del territorio nei piatti della tradizione a base di funghi, carni bovine, verdure e ortaggi coltivati e selvatici, salumi e formaggi di lavorazione tradizionale.
 
Per una visita della cittadina ci si può concentrare nelle vie del nucleo storico tra palazzi mobiliari e siti di pregio come il duomo di S. Giovenale, con la fontana bronzea ottagonale del ‘300, il Palazzo dei Priori con la loggia dell’Arengo e il Palazzo del Podestà, in cui è conservata un’incoronazione della vergine del Ghirlandaio. Se avete “gambe” e voglia una bella passeggiata vi porta al convento di San Domenico. Dagli adiacenti giardini di San Bernardo regalano un panorama incantevole sulla valle del fiume Nera e sull’Abbazia di San Cassiano.
 
Prima di immergersi nei paesaggi naturali della Valnerina, vale la pena creare una sorta di “itinerario di contrasto” cercando i luoghi che testimoniano l’importanza della storia industriale ternana. Appena fuori dal nucleo antico, nei pressi della Stazione Centrale si trovano l’impressionante pressa da 1200 tonnellate e l’installazione di Arnaldo Pomodoro “lancia di luce” a farle da contraltare artistico. Se vi sentite coinvolti allungate l’itinerario archeoindustriale con una visita allo stabilimento di Papigno, oggi diventato un centro espositivo dal nome evocativo di Paese dei Balocchi.
 
Lo spettacolo imponente della Cascata delle Marmore
 
LA VALNERINA E LA CASCATA DELLE MARMORE
Dai monti Sibillini scende l’acqua che si raccoglie nel letto del Nera, il fiume che disegna la Valnerina. Tantissime le occasioni per cercare il proprio piccolo paradiso nel verde, a due passi dal fiume e dare sfogo alle proprie passioni, dalla pesca al rafting, oppure semplicemente rilassandosi in compagnia nella contemplazione del paesaggio.
 
L’attrazione acquatica principale del posto non è però legata al Nera. È infatti dal salto del Velino nel Nera che si origina la spettacolare quanto celebre Cascata delle Mamore. 165 metri di volo tra terra e rocce che però nasconde un “trucco”. La cascata delle Marmore è originata dalla diga che eredita il controllo delle acque retine in epoca romana. In epoca industriale le richieste energetiche comandavano aperture e chiusure della diga. Oggi invece lo spettacolo del salto della cascata delle Marmore avviene a orari costanti e programmati. Per i camperisti conviene lasciare il mezzo nei parcheggi adiacenti al sito e poi percorrere a piedi il sentiero che conduce al belvedere.
 
La sosta successiva si può programmare nel borgo di Scheggino, uno dei centri più vivaci della valle. Lungo la strada che sale verso i monti si può approfittare di un agevole parcheggio, un parco pubblico dotato di vasche per l’itticoltura, un’area pic-nic e un camping. Tra gli altri borghi da non perdere merita un’attenzione particolare Vallo di Nera, che sfoggia una bella Bandiera Arancione TCI. Vallo di Nera e il vicino borgo di San Felice si visitano a piedi. Il viaggio può finire o continuare. Dipende da tempo, forze e possibilità. Basta imboccare il tunnel che da Sant’Anatolia di Narco attraversa la montagna, uscendo nei pressi di Spoleto e l’Umbria è li, tutta da scoprire. 
 
Uno scorcio di Vallo di Nera, borgo Bandiera arancione Tci
 
I SERVIZI PER I CAMPERISTI
Narni: area attrezzata comunale gratuita nel parcheggio del Suffragio, con ascensore per il centro città.
Arrone: Area attrezzata comunale presso il centro sportivo Canoa Kayak in via delle Palombare, tel. 0744287686.
 
LE GUIDE TOURING 
Questo itinerario è stato ispirato dal volume TCI L'Italia in camper da comprare nei Punti Touring sul nostro store on line a prezzo scontato!
 
L'ASSICURAZIONE PER CAMPERISTI
Se avete un camper, pensate a un’assicurazione con Linea Strada InCamper, il prodotto innovativo e conveniente di Vittoria Assicurazioni dedicato al mondo del camper!
Per richiedere un preventivo personalizzato, basta andare sul sito www.rcamper.it o chiamare il numero verde 800 403060: in pochi minuti potrete scoprire i vantaggi esclusivi dell'offerta ed acquistare direttamente la vostra assicurazione!