Scopri il mondo Touring

Per "Le vie dei tesori" ogni weekend aperture di oltre 90 luoghi della città. E poi, eventi e concerti

Da scoprire a ottobre i segreti nascosti di Palermo

di 
Stefano Brambilla
3 Ottobre 2016

Si può dire che non ci sia miglior periodo di ottobre per andare alla scoperta (o alla riscoperta) di Palermo. Perché in tutti i weekend del mese - compreso quello precedente il “Ponte” del primo novembre - la città si mette in mostra con una serie incredibile di appuntamenti. E moltissimi luoghi che spesso rimangono chiusi o poco visitabili aprono finalmente le porte, lasciandosi ammirare in tutta la loro arte, storia e bellezza.
 

IL PROGRAMMA
Il programma si chiama “Le vie dei Tesori” e compie nel 2016 il decennale. Lo fa in grande stile: sono 92 i luoghi che accolgono i visitatori in tutti i weekend di ottobre, tra cui ben 30 sono inediti.
 
Si va dai tre villini liberty disegnati dai Basile (tra cui quello che ospiterà un domani il Museo della fotografia intitolato a Enzo Sellerio) ai palazzi nobiliari, dal rifugio antiaereo della Seconda guerra mondiale sotto piazza Pretoria al grande Museo Salinas, restaurato da poche settimane. Ancora, le tante chiese, cripte, cappelle ricchissime di stucchi del Serpotta (Sant’Orsola dei Negri e Carmine Maggiore), di sfarzi barocchi (San Matteo), di dipeinti fiamminghi (Assunta e SS. 40 martiri alla Guilla). E poi - altri luoghi inediti - istitituti e biblioteche, come l’Istituto Regina Margherita e la Biblioteca di Casa Professa, con il suo preziosissimo corpus di codici membranacei e cartacei.
 

Tutti i luoghi sono "riuniti” da dieci itinerari a tema: Palermo dal basso, dall’alto, Palermo del Liberty, Palermo dei misteri, Palermo dei musei e degli archivi; Palermo delle ville, di Serpotta e di Borremans, Palermo di scienza e natura, Palermo sulle tracce degli ebrei, Palermo con la sua lunga eredità arabo-normanna che si legge in chiese e palazzi fino alla fine dell’Ottocento. Ce n'è dunque per tutti i gusti.
 

LE VISITE
I prezzi sono davvero simbolici: 1 o 2 euro ogni visita. Sul sito www.leviedeitesori.it si acquistano i coupon per le visite guidate (un coupon da 10 euro è valido per 10 visite guidate, un coupon da 5 euro per 4 visite guidate, un coupon da 2 euro per 1 visita guidata). In tutta la città sono stati istituiti anche otto centri dove è possibile trovare i coupon cartacei, dove trovare i biglietti validi però solo per una visita singola. 

Da notare che la Gesap, la società di gestione dell’aeroporto palermitano, regalerà a coloro che atterrano a Palermo provenienti da una destinazione internazionale mille coupon per partecipare alle visite.
 

I BAMBINI
Grande attenzione per i bambini, che sono “ospiti d’onore” dell'iniziativa grazie a un progetto parallelo, chiamato “Le Vie dei Tesori Kids”. In sette dei 92 tesori aperti alla città si svolgono infatti visite guidate animate a misura di bambino ogni domenica alle 11 e nei weekend tanti laboratori sulla lettura, l’archeologia, le mummie (questi ultimi su prenotazione). Da notare come in ogni appuntamento i piccoli partecipanti ricevono un kit all’insegna della creatività
 

I CONCERTI E I TOUR D’AUTORE
Previsti anche numerosi concerti e oltre 120 tour d’autore, guidati da storici, botanici, giornalisti, che spazieranno dalla città ebraica a Monte Pellegrino, dalla Palermo dei delitti a quella dell’Inquisizione, dalla città degli innamorati a quella dei fiumi scomparsi. 

Gran finale venerdì 28 ottobre alle 21.15 con un concerto al Teatro Massimo che vedrà insieme la voce cristallina di Antonella Ruggiero e il sound mediterraneo dei Radiodervish; e nello stesso weekend Notte bianca nei luoghi dell’itinerario arabo-normanno dell’Unesco, grazie alla collaborazione con la Fondazione Unesco Sicilia.
 

INFORMAZIONI
È attivo ogni giorno dalle 10 alle 18 il centro informazioni al 091.8420062; sito web www.leviedeitesori.it. Da scaricare anche la app preparata per l’occasione: all’ingresso di ciascuno dei 93 luoghi si può, grazie a un QR code da far “leggere” al telefonino, ricevere le descrizioni dei siti anche in inglese e in francese.