Scopri il mondo Touring
  • Home
  • Gargano, sport e natura

Alla scoperta della penisola pugliese

Gargano, sport e natura

9 Giugno 2014
Scegliete la Puglia e scoprite il Gargano, se amate lo sport e la natura. Resterete stupiti per la varietà dei paesaggi. Dai 140 chilometri di costa, tra insenature, baie e grotte, agli oltre 40mila ettari di boschi e macchia mediterranea. E poi le abbaglianti falesie, altissime, a strapiombo sul mare. Luoghi suggestivi da scoprire e da vivere tutto l’anno.
 
Spiagge belle e selvagge e mare cristallino lungo la costa.  Ammirate lungo il litorale tra Vieste e Peschici i trabucchi, antichi sistemi pesca, oggi suggestivi ristoranti sul mare. Fermatevi a dormire nei borghi, come Vico del Gargano o Rodi Garganico, in piena Oasi Agrumaria, regno dell’arancia Bionda e del limone Femminello Igp del Gargano. Raggiungete in bici Peschici abbarbicata su una rupe, con le sue case bianche e i tetti ricoperti da grigie lamie arabeggianti. Una serie di tornanti sfiorano torri costiere e suggestive insenature, come Punta San Nicola e la Baia di Manacore, prima di arrivare a Vieste, incantevole borgo di pescatori con il castello e la cattedrale dell’XI secolo.
Spiagge selvagge e calette da scoprire in barca anche più a sud, lungo la costa che conduce a Mattinata, come la Baia di Pugnochiuso, di Vignanotica e la suggestiva Baia delle Zagare con i famosi faraglioni di candida ed abbagliante roccia.

Fondali multicolor alle Isole Tremiti, appena 5 chilometri quadrati di superficie da vivere in libertà, meta ideale per gli appassionati di diving. Sono ad un’ora di navigazione da Rodi Garganico o a 20 minuti in elicottero da Foggia. Scopritele per mare, fermatevi nelle calette deserte di Capraia, salite in paese a San Nicola, e visitate la chiesa di Santa Maria a mare con il bel chiostro medievale. Poi ci sono l’isolotto del Cretaccio e l’inaccessibile Pianosa, Riserva Marina Integrale.
Se amate la natura scoprite il Parco Nazionale del Gargano. Accoglie più di 2500 specie botaniche e incredibili varietà di orchidee spontanee. Monumentali le faggete, profumate le mediterranee pinete d’Aleppo. È un’area perfetta da percorrere in bici, a piedi e a cavallo, grazie a una rete di sentieri e piste connesse tra loro, come quelli della Grande Traversata Garganica, per oltre 200 chilometri.

Addentratevi nel Subappenino, tra i Monti Dauni e lasciatevi sorprendere da un itinerario poco conosciuto. Intorno a voi boschi rigogliosi e borghi autentici, tra i più belli d’Italia e sentieri nella natura inviolata, da percorrere in bici, a cavallo o a piedi.
 
Ma il Gargano è anche terra di fede. Un itinerario di silenzio e di preghiera avvolge la Via Sacra Langobardorum lungo antiche vie di pellegrinaggio che, oggi come allora, conducono alla grotta di San Michele a Monte Sant’Angelo, patrimonio UNESCO, o San Giovanni Rotondo, da Padre Pio. Vivete un’esperienza unica, di relazione, a contatto con la natura e percorrete questi sentieri a piedi, tra strade sterrate e antiche mulattiere. Intorno a voi santuari, monasteri ed istituti religiosi che si aprono all’ospitalità.
 
Il viaggio continua su www.viaggiareinpuglia.it