Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Venezia: "Palazzo Querini Stampalia - Visita guidata Tci"

Venezia: "Palazzo Querini Stampalia - Visita guidata Tci"

Un giorno a palazzo con i Querini.

Usi e costumi di una nobile famiglia veneziana nel Settecento.

(Scheda a cura del Console TCI di Venezia: Donatella Perruccio Chiari)

 

Immaginare la vita, le passioni, gli intrighi di un'epoca lontana, quando a casa dei Querini erano di passaggio personaggi quali Carlo Goldoni, Pietro Longhi e Giacomo Casanova. Chi oltrepassa il portone di ingresso di un antico palazzo spesso, infatti, si chiede come doveva essere vivere al suo interno nei giorni di massimo splendore.

La casa è il luogo privilegiato dell'esistenza quotidiana di uomini e donne, della famiglia, delle relazioni sociali e, a partire dagli arredi, gli interni raccontano il modo di vivere e di divertirsi dei nostri antenati.

Ed è grazie allo studio degli inventari e dei testamenti che ci viene permesso di “frugare” negli antichi armadi, nei cassoni nuziali, nelle credenze, per ricostruire un quadro verosimile dell'arredamento, degli oggetti d'uso e dell'abbigliamento in voga a quell'epoca.

Un'occasione che ci permette di conoscere lo stile di vita, i passatempi, le mode e le manie della nobiltà settecentesca veneziana.

Si racconterà della tavola in un giorno qualunque in una casa patrizia, di epistolari femminili, di quel cronista dell'epoca che fu Pietro Longhi, della attività musicale domestica, della passione per il teatro e dell'abbigliamento delle dame e dei gentiluomini Querini e di altro ancora per rivivere per un breve momento l'esistenza di quel mondo affascinante e fantastico che fu il Settecento veneziano. 

 

Notizie su: Palazzo Querini Stampalia

Palazzo Querini Stampalia, a pochi passi da Piazza San Marco, è considerato uno dei più interessanti complessi architettonici di Venezia.

Antica residenza ufficiale della famiglia Querini Stampalia è oggi sede dell'omonima Fondazione.

Alcune testimonianze attestano la presenza dei Querini a Santa Maria Formosa

già dal XIII sec, ma si possiedono maggiori notizie solo dalla fine del XV sec.

Un documento del 1514 dà conto di un significativo ampliamento della struttura commissionato da Nicolò Querini  per la realizzazione del nuovo Palazzo.

Il crescente prestigio dei Querini nei primi decenni del Cinquecento, spinge la famiglia a realizzare una serie di migliorie, ma le scelte operate negli anni manifestano la mancanza di un progetto unitario e sottolineano un modo di procedere per aggregazioni.

Il Palazzo si sviluppa  e si articola nel tempo con annessioni di proprietà attigue e con sopraelevazioni, venendo diviso in appartamenti e a volte parzialmente affittato.

Nel corso del XIX secolo il conte Giovanni decide di trasferire la propria abitazione al primo piano del Palazzo affittando l'intero piano nobile al Patriarca di Venezia.

Nel 1869, alla morte di Giovanni, il Palazzo diventa sede della Fondazione da lui voluta. Al primo piano è allestita la  biblioteca, mentre al piano nobile si trova il Museo dove dipinti, arredi, porcellane, sculture e oggetti d'arte danno testimonianza della dimora storica della nobile famiglia veneziana.

Un’ulteriore riqualificazione della sede è stata possibile grazie agli interventi contemporanei degli architetti Carlo Scarpa, Valeriano Pastor e Mario Botta.

 

Profilo di Elisabetta Dal Carlo

Dopo varie esperienze lavorative in Italia e all’estero, dal 1991 è conservatrice presso il Museo Querini Stampalia.

In contemporanea ha tenuto lezioni presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia, Dipartimento di Storia delle Arti e Conservazione dei Beni Artistici “Giuseppe Mazzariol”, sulla storia delle prime manifatture di porcellane europee e sulla collezione di porcellane del Museo Querini Stampalia.

Ha tenuto inoltre conferenze in Italia e all’estero (Parigi e Londra) sull’arte della porcellana e ha all’attivo la cura di alcuni cataloghi di collezioni di arti decorative e varie pubblicazioni di storia dell’arte veneta.

 

 

Vedere scheda pdf allegata.

 

Altre informazioni utili: 

Info costi e prenotazione: Agenzia Clipper, tel.041987744, sig. Luca Gobbo    - tempi di prenotazione: non prima di tre settimane dall'evento (fino ad esaurimento posti - n° max di partecipanti: 30)  - durata della visita: la visita si svolge nell'arco della mattinata - quota individuale di partecipazione: soci 10 euro, non soci 12 euro - attenzione: La quota non comprende il biglietto di ingresso, che si farà in loco (poiché esistono gratuità, scontistica ecc.) - pranzo: non previsto - come arrivare: vedere indicazioni nella sezione Ritrovo o nella scheda pdf allegata.

 

 

 

Accesso disabili: 

Vantaggio per i Soci

Vantaggi per i soci del Touring Club