Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Venezia: L'insula di San Giobbe - Visita guidata Tci

Venezia: L'insula di San Giobbe - Visita guidata Tci

L'area di San Giobbe, una porzione di Venezia tra i fasti del Barocco e le avventure della contemporaneità

(Scheda a cura del Console TCI di Venezia: Donatella Perruccio Chiari)

 

La visita propone un itinerario tematico su un pezzo della città di Venezia, l’area di San Giobbe, in cui la dialettica tra la storia e la contemporaneità appare in tutta evidenza e ricchezza di significato.

L’attuale insula di San Giobbe, infatti, da estrema periferia occidentale della città, con l’apertura del ponte translagunare (1846), la costruzione della ferrovia e l’interramento di una serie di canali, nel corso del XIX secolo è diventata l’accesso privilegiato a Venezia, e successivamente punto di partenza di gran parte dei percorsi turistici della città.

 

Questa improvvisa serie di eventi ha profondamente trasformato la natura urbana dell’isola, da solitario e tranquillo luogo di conventi e palazzi patrizi, a centro industriale e nodo infrastrutturale della città, con i relativi cambiamenti della sua composizione sociale e del ruolo economico.

 

La visita inizierà presso l’unico convento rimasto nell’isola, quello dei Carmelitani Scalzi della Provincia Veneta, di cui visiteremo la chiesa (costruita da Baldassarre Longhena, con uno straordinario arredo interno, sia pittorico che scultoreo) e il “giardino mistico” all’interno del convento, da poco aperto ai visitatori.

Una lezione in aula permetterà di introdurre i temi di storia della architettura e della città che verificheremo “in situ” nel pomeriggio: il ruolo dei conventi, l’area della ambasciata spagnola, campo San Geremia con la chiesa e palazzo Labia, le trasformazioni dell’area ferroviaria e l’interconnessione con il terminal automobilistico di Piazzale Roma.

Nel corso del pomeriggio, visiteremo anche il parco Savorgnan, uno dei pochi giardini patrizi superstiti della città e oggi aperto al pubblico, nonché l’area che in passato era occupata dalla Saffa (fabbrica di fiammiferi) e che negli anni ’80 del XX secolo è diventata uno dei più innovativi interventi di edilizia pubblica in Italia, grazie alla progettazione di Vittorio Gregotti.

Infine, visiteremo il Macello ottocentesco, che negli anni ’60 doveva essere demolito per la costruzione del nuovo Ospedale Civile di Le Corbusier e che, una volta fallito il progetto, è stato recentemente convertito a campus universitario di Ca’ Foscari.

 

Ci farà da guida l'arch. prof. Gianmario Guidarelli:

Storico dell’architettura e della citta, docente presso l’Università degli Studi di Padova. Laureatosi allo IUAV con il massimo dei voti, ha conseguito il dottorato di ricerca di eccellenza in architettura e della città. Ha svolto attività presso la Duke University, l’Università di Bergamo e la Scuola Normale di Pisa. È stato titolare di corsi di Storia dell’arte e di architettura presso lo IUAV di Venezia, a Padova e allo Studium Marcianum. Attualmente, tra le altre cose, è ricercatore presso l’Università IUAV di Venezia. Dal 2010 coordina il progetto “Chiese di Venezia, nuove prospettive di ricerca” ed è direttore dell’omonima collana editoriale (Marcianum Press). Autore di un libro e di un numero monografico di “Venezia Cinquecento” sulla architettura della Scuola Grande di San Rocco, di numerosi saggi sul rinascimento Veneziano e sull’architettura religiosa nel Rinascimento Europeo.

Attualmente la sua attività di ricerca, concentrata sui rapporti tra architettura, liturgia e teologia, si è focalizzata sulla cattedrale veneziana di San Pietro di Castello (VIII.XVII sec.), sull’architettura delle abbazie cassinensi e sul Ghetto di Venezia.

 

Indicazioni utili per arrivare al punto di ritrovo: a piedi da P.le Roma: La chiesa degli Scalzi si trova a lato della stazione ferroviaria di Santa Lucia, prima del ponte degli Scalzi.

 

 

Altre informazioni utili: 

Per informazioni e prenotazioni: Agenzia Clipper tel: 041 987744 - Email : luca.gobbo@clipperviaggi.it

 - Tempi di prenotazione: non  prima di tre settimane dallo evento (fino esaurimento posti - max 40 partecipanti)

 - Quota individuale di partecipazione: Soci :  € 25,00 - Non soci : € 28,00

 - Pranzo: non previsto

 - Ora/luogo del ritrovo: ore  9,45 davanti l’ingresso della chiesa ( accesso ai disabili: si)

 - Recapito tel. x emerg.:  fino  al  giorno prima dell’evento 041 987744, poi 348 2660404.

 

Accesso disabili: 

Vantaggio per i Soci

Vantaggi per i soci del Touring Club