Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Varallo: "Nodi e trasparenze. I fiori di Elda e Federica"

Varallo: "Nodi e trasparenze. I fiori di Elda e Federica"

Dal 13 al 24 agosto nel comune di Varallo, presso la biblioteca civica "Farinone Centa", l'artigianato della Valsesia si mette in mostra con i puncetti (una tecnica di ricamo solo con ago e filo) di Elda Frigiolini e con gli acquerelli di Federica Giacobino (locandina dell'evento in gallery).

 

INGRESSO LIBERO

 

Un'appuntamento che vuole valorizzare un territorio partendo da due persone Elda e Federica, che hanno cercato di esprimere la loro creatività ispirandosi alla natura, all'arte e all'artigianato della valle in cui hanno vissuto, il mezzo sono stati il ricamo detto "puncetto" e la pittura con la tecnica dell'acquerello.
Il puncetto è un ricamo antico, un punto di artigianato artistico.
Una lavorazione che sembrava irrimediabilmente perduta che grazie all'attenzione della Società Operaia di Mutuo Soccorso e di molti artigiani e commercianti locali rivive un periodo di grande successo, anche commerciale, almeno per estimatori e conoscitori.
Le origini risalgono probabilmente alla storia delle popolazioni Walser, che provenienti dall'Alto Vallese si stabilirono nei paesi di Alagna, Gressoney, Carcoforo, Rimella, Rima, ecc. Le donne, soprattutto in inverno, quando erano costrette in casa durante le frequenti nevicate, facevano un rozzo ricamo, con un grosso ago, che veniva manovrato sempre con la cruna non rivolta verso il corpo, per non correre il rischio di ferirsi. Il risultato era un ornamento utilizzato per decorare l'abito della cerimonia, per la festa di primavera, o per i matrimoni. Ne troviamo documentazione anche in vari musei della valle, ad esempio al museo di Fobello, al museo Walser di Alagna, a quello di Carcoforo, nelle mostre dell'Alpaa, ed è esposto tra i ricami anche a Milano, alla Casa Museo Poldi Pezzoli, proveniente da una collezione privata di una famiglia tedesca.
La lavorazione si è tramandata ed è diventata parte integrante dei costumi tradizionali e dei paramenti per le chiese e della biancheria per la casa.


Ma veniamo alle due donne della nostra mostra:
Elda ha "creato" dei fiori, utilizzando le tecniche del ricamo locale, il puncetto valsesiano, marchio registrato e riconosciuta eccellenza dell'artigianato italiano, vivacizzandone i disegni e i colori, in passato quasi sempre erano il bianco e l'ecrù/marroncino.
Federica con i suoi acquerelli ha invece ricreato ambientazioni tutte ispirate ai fiori, alle piante del giardino, ai paesaggi dell’ambiente montano, utilizzando colori delicati e vivaci nello stesso tempo. Ha poi approfondito il suo percorso personale scrivendo e illustrando libri che spiegano le ricette che si possono creare con i profumi della sua terra. E ovviamente ha sviluppato le ricette in deliziose marmellate e confetture.
L'allestimento unisce la tradizione, come i tipici quadri con le tele e con i ricami, a pannelli in metacrilato trasparente che danno luce ai ricami del prezioso puncetto. Il significato comune sta nell'unire arte e artigianato artistico nell’apprezzamento per la natura che ci circonda per ridarle valore.