Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Tricarico- Città d'arte - Visita guidata Tci

Tricarico- Città d'arte - Visita guidata Tci

Tricarico (Mt) - Città d'Arte . visita guidata Tci

Quello di Tricarico è uno dei centri storici medievali più interessanti del Mezzogiorno d’Italia. Tutti i popoli che hanno abitato la città hanno lasciato segni notevoli della loro presenza. alcuni di essi sono: La torre Normanna, la Chiese di Santa Chiara, il Palazzo Ducale, la Cattedrale di Santa Maria Assunta, la Chiesa di Santa Maria del Carmine, i quartieri Rabata e Saracena con i sottostanti orti saraceni.

 

La torre normanna, di forma cilindrica, alta 27 metri, è parte integrante della rocca fortificata risalente al sec. XI, estrema propaggine dell’insediamento normanno. Domina  le vallate del Bradano e del Basento. E’ costituita da tre ambienti sovrapposti, delimitati da una spessa muratura di pietra arenaria, affiancata ai suggestivi ambienti del castello che nel XIV secolo divennero  la sede dell’antico convento di Santa Chiara.

La chiesa di Santa Chiara è stata fino al 1931 chiesa del monastero delle Clarisse e poi chiesa del convento delle Suore Discepole di Gesù Eucaristico. L'annessa cappella del Crocifisso, presenta uno splendido ciclo di affreschi di Pietro Antonio Ferro, commissionatogli nel 1611 dalla badessa Eleonora Damiano.

 

Il palazzo ducale  o “castello del Principe di Bisignano”, esempio di dimora principesca in Basilicata, è uno degli edifici civili più significativi di Tricarico. L’accesso al palazzo, che si articola in due corpi distinti, avviene mediante due portali seicenteschi, entrambi coronati dagli stemmi della famiglia Revertera. Fu per secoli residenza dei Sanseverino, conti di Tricarico e principi di Bisignano, centro direzionale dell’amministrazione dei loro beni e rendite feudali. Oggi ospita il Museo archeologico con interessanti reperti rinvenuti nell’area territoriale  del Medio  Basento.

 

La Cattedrale di Santa Maria Assunta risalente al sec. XII, originariamente  in stile romanico, ha subìto notevoli ristrutturazioni nel sec. XVII ad opera dei vescovi Carafa. Nel 1774  il vescovo Antonio Del Plato l’arricchì di preziose decorazioni a stucco realizzate da maestranze napoletane. L’edificio custodisce numerose opere d’arte e suggestive cappelle tra cui emerge quella del “secretarium” con stucchi del primo Seicento, le preziose tavole dei secc. XV-XVI e gli splendidi dipinti del sec. XVII di Pietro Antonio Ferro e di Cesare Scerra, oltre ad alcune sepolture di vescovi.

 

La chiesa di Santa Maria del Carmine, costruita sull’antica chiesa di Santa Maria del Soccorso, risale al 1605 allorquando fu inglobata nel convento dell'Ordine dei Carmelitani Scalzi. Custodisce un prezioso ciclo di affreschi realizzato dal pittore Pietro Antonio Ferro nel 1612, con scene della vita di Cristo e della Madonna, raffigurazioni di figure importanti per l'Ordine e, sulla volta dell'abside, l'Assunzione e le virtù cristiane. Dal piazzale del convento del Carmine si gode di una suggestiva veduta dei quartieri Rabata e Saracena con i sottostanti orti saraceni.

 

Appuntamento dei partecipanti alle ore 9,30 sul piazzale di Santa Croce, ai piedi della torre normanna. Nelle vicinanze c’è un bar. Da qui partiremo per raggiungere la vicina chiesa di Santa Chiara, dove ammireremo il prezioso Crocifisso e gli affreschi del Ferro. Percorreremo, quindi, via Monte, fermandoci per pochissimo tempo nella chiesa di San Francesco del sec. XIV. La tappa successiva sarà sul palazzo ducale, con visita al museo archeologico. Il giro mattutino si concluderà nella Cattedrale. Alle 13,30 ci porteremo nel bosco di Fonti, dove ci aspetterà Rocco Dabraio al ristorante Tre Cancelli (tel.: 0835.726295) per servirci le bontà della gastronomia lucana.

Dopo il pranzo sarà possibile visitare la chiesa del Carmine e, dal piazzale, godere della vista degli orti saraceni.

 

Appuntamento dei partecipanti alle ore 9,30 sul piazzale di Santa Croce, ai piedi della torre normanna. Nelle vicinanze c’è un bar. Da qui partiremo per raggiungere la vicina chiesa di Santa Chiara, dove ammireremo il prezioso Crocifisso e gli affreschi del Ferro. Percorreremo, quindi, via Monte, fermandoci per pochissimo tempo nella chiesa di San Francesco del sec. XIV. La tappa successiva sarà sul palazzo ducale, con visita al museo archeologico. Il giro mattutino si concluderà nella Cattedrale.

Alle 13,30 ci porteremo nel bosco di Fonti, dove ci aspetterà Rocco Dabraio al ristorante Tre Cancelli (tel.: 0835.726295) per servirci le bontà della gastronomia lucana.

Dopo il pranzo sarà possibile visitare la chiesa del Carmine e, dal piazzale, godere della vista degli orti saraceni.

 

Prenotazioni

Possibilmente entro la mattinata di giovedì 23 giugno: 

console Vincenzo De Lillo  tel. 328.7720403 - 328.2229711

 

  Quota individuale (per il pranzo): € 30