Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Taranto straordinaria, capitale della Magna Grecia - visita Tci all'Acropoli e al Museo Archeologico

Taranto straordinaria, capitale della Magna Grecia - visita Tci all'Acropoli e al Museo Archeologico

Taranto , straordinaria capitale della Magna Grecia, una visita guidata del Museo Archeologico che racchiude e custodisce le testimonianze della Città dei Due Mari, città greca fondata da Sparta e Capitale della Magna Grecia, con gli Ori di Taranto, mirabili esempi di oreficeria locale e reperti di età romana, segurà con la visita del Castello Aragonese.

 

Il  MARTA -Museo Archeologico di Taranto, sito in Corso Umberto I al civico 42, fu fondato nel 1887 ed occupa la sede dell'ex Convento di San Pasquale di Baylon, edificato nel XVIII secolo. L'archeologo Luigi Viola voleva farne un Museo della Magna Grecia, ma esso è sempre stato dedicato, principalmente, alla documentazione archeologica di Taranto e del resto della Puglia.

Chiuso per essere sottoposto a lavori di restauro dal mese di gennaio del 2000,  anno a partire dal quale fu mantenuta un'esposizione parziale presso Palazzo Pantaleo, riapre nuovamente al pubblico il 20 dicembre 2007.

Il piano rialzato del museo è utilizzato per esposizioni temporanee e convegni. Il primo piano ospita la sezione greco-romana inerente alla società tarantina. Il secondo piano, attualmente in allestimento, ospita la sezione preistorica del Paleolitico e dell'età del Bronzo inerente all'intero territorio pugliese.

 

Castello Aragonese - Il primo nucleo del castello risale al 916, quando i Bizantini avviarono la costruzione della "Rocca" a protezione dagli attacchi deiSaraceni e della Repubblica di Venezia. Questa prima fortificazione era costituita da torri alte e strette, dalle quali si combatteva con lance, frecce, pietre, ed olio bollente. Nel 1481 fu realizzato un primo canale navigabile, più stretto dell'attuale e con sponde irregolari, per consentire il passaggio di piccole imbarcazioni e migliorare la difendibilità del castello. Nel 1486, Ferdinando II d'Aragona incaricò l'architetto e ingegnere militare francesco di Giorgio Martini di ampliare il castello e di conferirgli l'attuale struttura, onde rimpiazzare la tipologia medievale delle torri concepita per la difesa piombante.  Le quattro torri furono intitolate rispettivamente a san Cristofalo, a san Lorenzo, alla Bandiera ed alla Vergine Annunziata.

Il castello era dotato di due uscite corrispondenti a due ponti levatoi. Sul fossato passava il ponte del Soccorso, che univa il castello alla zona che allora era campagna e che oggi viene denominata Borgo. Sul lato opposto invece, il ponte dell'Avanzata univa il castello con il borgo antico, sorpassando il fossato scavato per isolare la struttura dalla città.  Nel1491 fu aggiunto sul lato rivolto al mar Grande il rivellino di forma triangolare tra la torre della Bandiera e la torre San Cristofalo. Il castello fu ultimato nel 1492.

Con gli Spagnoli, le difese furono rafforzate allargando il fossato e costruendo una nuova fortificazione con tre torri. Con l'arrivo degli Asburgo nel 1707, il castello perse la sua importanza come opera militare divenendo una dura prigione, ma con Napoleone Bonaparte ritornò alla sua funzione originaria. Nel 1883, una delle cinque torri che univano la cortina muraria, quella dedicata a Sant'Angelo, insieme alle torri Mater Dei, Monacella e Vasto del muro civico, furono demolite per fare posto all'attuale canale navigabile e al ponte girevole. I lavori furono ultimati nel 1887, anno in cui il castello diventa una sede della Marina Militare.

All'interno del castello, si può ammirare la Cappella di San Leonardo, riconsacrata nel 1933 dopo essere stata adibita nel corso degli anni a corpo di guardia e stalla. Al suo interno si trovano due lastre in carparo addossate alle pareti, che rappresentano rispettivamente un santo vescovo ed un guerriero medievale armato. 

 

Prenotazioni entro il 22 febbraio 2016 e comunque fino al completamento dei posti in pullman (50 persone)

 

Quota partecipazione: Soci con pullman 45,00 Euro - Soci con mezzi propri 40,00 Euro - Non soci con pullman 50 Euro - Non soci con mezzi propri 45,00 Euro.

 

La quota comprende: Assicurazione Europe Assistance; trasporto in pullman gran turismo; ticket ingresso al Marta; pranzo con bevande incluse (1/4 di vino e 1/2 di acqua); guida turistica; presenza di un accompagnatore per tutta la durata del viaggio. Non comprende mance e tutto quello non specificato nel programma.

 

Il programma potrebbe subire variazioni, modifiche, ritardi e/o cancellazioni a causa di eventi non dipendenti dalla volontà dell'organizzazione.

 

Programma:

               - ore   8.15  Lecce, raduno e registrazione dei partecipanti presso il Foro Boario di Lecce, nei pressi dell Hotel Tiziano

               - ore   8.30  Partenza in pullman G.T. per Taranto 

               - ore   9.00  Sosta a Brindisi presso la stazione ferroviaria in piazza Crispi e  sosta presso la sede dell'Associazione Arma Aeronautica in via N. Brandi, 27

               - ore   9.15  Prosecuzione del viaggio verso Taranto

               - ore   9.45  Arrivo e incontro a Taranto, presso ingresso del Museo Archeologico - MARTA -  in via Cavour, 10 con quanti giunti con mezzi propri.

               - ore 10.15  Visita guidata del Museo Archeologico di Taranto che raccoglie e custodisce le testimonianze della Città dei Due Mari, città greca fondata

                                    da Sparta e Capitale della magna Grecia, con gli straordinari Ori di taranto, mirabili esempi di oreficeria locale e reperti di età romana.

               - ore 12.00  Visita del Castello Aragonese

               - ore 13.30  Pranzo al ristorante

               - ore 15.45  Passeggiata nel Borgo Antico con sosta alla Cattedrale e allo straordinario Cappellone di San Cataldo.

               - ore 17.30 Partenza per Brindisi e Lecce

               - ore 18.15 Arrivo a Brindisi

               - ore 18.45 Rientro a Lecce e fine viaggio

 

Altre informazioni utili: 

Prenotazioni entro il 22 febbraio 2016 e comunque fino al completamento dei posti in pullman (50 persone)

Vantaggio per i Soci

Vantaggi per i soci del Touring Club