Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Sessa Aurunca (CE): alla scoperta dei tesori della Terra Aurunca

Sessa Aurunca (CE): alla scoperta dei tesori della Terra Aurunca

Sessa Aurunca (m. 203 s.l.m.) è il primo comune della Provincia di Caserta per estensione territoriale (162,18 Kmq), e vanta circa 22.000 abitanti. È città d'arte, cultura e storia soprattutto per il suo centro storico, ricco di testimonianze, archeologiche ed artistiche.
Il suo territorio spazia dai monti al mare, con paesi arroccati sulle colline e scenari paesaggistici stupendi che conservano ancora intatta la loro struttura storica.
È posta al confine tra Campania e Lazio e presenta gli aspetti austeri dei centri medioevali umbri, con l'antico nucleo urbano che mantiene un impianto urbanistico medioevale, impostato sulle preesistenze romane e preromane.
Manifestazione in collaborazione con l'Amministrazione Comunale di Sessa Aurunca e la Pro Loco.

Castello Ducale e Sala Espositiva: costruito su elementi strutturali di origine romana presenta un corpo originario fatto costruire in epoca longobarda. Fu ampliato sotto il regno di Federico II di Svevia e sotto la dominazione spagnola viene sottoposto ad una serie di modifiche funzionali per renderlo più adatto alla vita di corte. Nel Castello sono stati ospiti Federico II e Carlo V. E' proprietà del Comune dal 1808. All'interno della Sala Espositiva sono conservati parte dei reperti provenienti dal Teatro Romano, tra cui la bellissima statua di Matidia Minore, in marmo grigio e bianco, unicum nel panorama delle statue romane imperiali.
Salone dei Quadri: nella sala consiliare del Municipio della città sono collocate due tele di grandi dimensioni realizzate da Luigi Toro nel 1870 raffiguranti “Agostino Nifo alla Corte di Carlo V“ e “Taddeo da Sessa al Concilio di Lione”.
Teatro Romano: è una importante struttura, sita a sud del Criptoportico solo da pochi anni recuperata quasi integralmente. Di epoca augustea fu ampliato e ristrutturato da Matidia Minore (cognata dell'imperatore Adriano).
Criptoportico: posto su di un lato del complesso conventuale di S. Giovanni a Villa, si tratta di un edificio, portato alla luce dal Maiuri nel 1926. Ha una conformazione ad U con tre navate le cui pareti sono rivestite con quadri geometrici e motivi floreali dipinti. Secondo gli studiosi faceva parte di un importante complesso votivo.
Cattedrale: costituisce senza dubbio il più bel monumento della zona aurunca per eleganza di linee ed accuratezza di decorazioni interne ed esterne. Databile intorno al 1103 sorge su di un'area ove vi era un tempio pagano o cristiano. La facciata è a tre portali, come l'interno a tre navate che poggiano su 18 colonne con capitelli in stile corinzio. Di notevole valore artistico “il candelabro” per il cero pasquale, “il pergamo” la cui struttura rettangolare si sostiene su sei colonnine alla cui base vi sono altrettanti leoncini marmorei ed il pavimento musivo in opus alexandrinum.
Chiesa di S. Giovanni a Villa: edificata insieme all'annesso convento nel 1246 su un preesistente sito risalente al 1032 è appartenuta prima ai Benedettini e poi ai Francescani. La chiesa attualmente ha una struttura settecentesca con molti rifacimenti barocchi. Custodisce le statue dei “Misteri” che vengono portati in processione il Venerdì Santo.
Chiesa di S. Carlo Borromeo: costruita nel 1615 su un probabile protoconventino e chiesa medioevale dei “pignatari”. Nella Cripta vi è l'antica saletta funeraria. All'interno il gruppo della “Deposizione” che viene portato in processione il Sabato Santo.
Chiesa del SS. Rifugio: l'aspetto attuale è il risultato di vari interventi di ristrutturazione sull'edificio medioevale che risale all'anno 1258. All'interno il gruppo ligneo policromo della “Pietà” del XVIII secolo che viene portato in processione il Sabato Santo.
Sedile di S. Matteo: costruito nel XVI sec. Fu uno dei quattro seggi della città. Un tempo centro del potere della nobiltà sessana. La costruzione si presenta in forma neogotica nella decorazione interna e in facciata. E' sede della Pro Loco.

Altre informazioni utili: 

Programma di massima 
- ore 9.45: Ritrovo partecipanti (con mezzi propri) a Sessa Aurunca (parcheggio riservato Piazza Castello); 
- ore 10.00: Castello Ducale – Saluto Sindaco – Presidente Pro Loco; 
- ore 10.30: Castello Ducale e Sale Espositive Museo Civico; 
- ore 11.30: Salone dei Quadri Palazzo di Città; 
- ore 12.00: Teatro Romano e Criptoportico; 
- ore 13.00: Chiesa S. Giovanni a Villa – Arciconfraternita SS. Crocifisso e Misteri del Venerdì Santo; 
- ore 13.30: pranzo libero o presso il ristorante dell’Hotel San Leo / Sessa Aurunca al costo di € 25,00 a persona - prenotazione libera a carico dei singoli partecipanti (tel. 0823.938970) - con il seguente menù: Antipasto di montagna - Fusilli con speck e melanzane - Arista di maiale al forno con patate - Dessert acqua, vino e caffè. 
- ore 15.30: Cattedrale – Chiesa SS. Rosario e Confraternita – Chiesa S. Carlo Borromeo e Confraternita – Chiesa SS. Rifugio e Confraternita;
- ore 17.30: Sedile S. Matteo – Sede Pro Loco – Degustazione prodotti tipici.

Partecipanti: max 40 persone

È necessaria la prenotazione presso il Club di Territorio “Terra di Lavoro” inviando una email a: 
terradilavoro@volontaritouring.it 
oppure telefonando a: 
333.9808553 (Antonio La Gamba) 
Quote: La manifestazione è gratuita per i soci e gli amici del Touring Club Italiano. 
I soci e gli amici del Touring Club Italiano regolarmente iscritti alla manifestazione sono coperti da apposita polizza assicurativa per la responsabilità civile. 
Le prenotazioni sono aperte. 
Il Volontario Touring accompagnatore ha la facoltà di variare l’itinerario. La manifestazione si effettua anche in caso di pioggia.
Il Club di Territorio “Terra di Lavoro” del Touring Club Italiano si riserva il diritto di accettare o meno la prenotazione.
Manifestazione organizzata per i soci e gli amici del TCI e soggetta al regolamento della Commissione regionale consoli della Campania.
Sono ammessi in via eccezionale i non soci perché possano constatare la qualità e l'interesse delle nostre manifestazioni, e quindi associarsi.