Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Salerno: escursione TCI al Sentiero degli Dei da Agerola a Positano

Salerno: escursione TCI al Sentiero degli Dei da Agerola a Positano

Scheda della visita:

Il nostro itinerario parte da Agerola e per agevole percorso giunge alle Grotte del Biscotto, così chiamate per l’aspetto bruno e friabile della roccia, nella quale sono state scavate “case rupestri”: le finestre e le porte sono semplici buche e feritoie scavate nella pietra, così pure le pareti e le parti del tetto.l sentiero prosegue inoltrandosi a tratti dentro un bosco di lecci e poi regalando la visione impareggiabile del golfo punteggiato di isolotti. In fondo, poco prima dell’orizzonte, si vede Capri. Qua e là lungo la costa, i resti delle tredici torri di avvistamento della costiera amalfitana, che servivano agli abitanti per segnalare l’arrivo dei Saraceni. Ogni torre avvertiva quella vicina, dando fuoco a barilotti pieni di pece. Le  distanze tra loro erano studiate affinché non rimanessero punti scoperti. In questo tratto troviamo uno dei paesaggi più belli del Sentiero, che costeggia un belvedere naturale che si affaccia su Praiano. Procediamo verso Nocelle (una ventina di case). Il silenzio è rotto solo dal fruscio del vento che gioca trai rami dei corbezzoli;  è certamente un luogo unico, unito come è al resto della costiera solo da un sentiero e dalla teleferica per le merci. Ci aspetta ora l’ultimo sforzo: la famosa ripida scalinata di 1700 gradini che ci porterà in località Arienzo a Positano.

Scheda tecnica del percorso escursionistico: Dalla piazzetta di Bomerano di Agerola (mt. 640 slm), avendo a destra la Chiesa e l’albergo, si tralascia la prima asfaltata a destra con cartelli “sentieristica” e si prende la stradina che si dirige verso S-SO, in leggera discesa. Si sottopassa un ponticello in una canaletta con tubazioni; poco dopo si trova una casa in alto a destra. Si continua svoltando leggermente a destra, quindi si traversa la canaletta, si prende l’evidente scalinata senza ringhiera (prestare attenzione) di circa 10 metri (o in alternativa seguire un sentierino a sinistra della stessa) e si esce su una strada asfaltata, con bel panorama sul selvaggio Vallone di Praia, dominato da torrioni, guglie calcaree, piccoli vigneti aggrappati al pendio. Poco dopo la strada si trasforma in gradoni pervenendo alla Grotta del Biscotto (mt. 524 slm – fontana). Qui inizia il vero e proprio sentiero con segnali CAI in leggera discesa con qualche saliscendi. Si passa sulla recente frana (prestare attenzione) e si perviene al Colle la Serra (mt. 578) con un pinnacolo con lapide dedicata ad Ettore Paduano. Dopo aver superato un rudere, si perviene a un bivio. Di fronte, vi è un muretto a secco con segnale: a destra per il Sentiero degli Dei. Si fa, invece, una piccola deviazione a sinistra per ammirare da uno spiazzo, accanto ad una villa, lo stupendo panorama. Si torna indietro al muretto (se si continua diritto si scende a Praiano) e si prosegue in leggera salita, sotto la Punta di Monte Paipo, seguendo i segnali a volte poco evidenti o nascosti dalla vegetazione. In alcuni tratti il sentiero può essere stretto, cedevole o scivoloso, soprattutto nell’attraversare le testate dei vari valloni che scendono dall’alto. Lungo questo tratto bisogna fare attenzione a non seguire in corrispondenza di biforcazioni i sentieri che scendono sulla sinistra in direzione del mare, ma continuare sempre sul sentiero principale in direzione parallela alla costa. Ad un primo tratto tra piccoli vigneti impiantati ad uva pede ‘e palomma, conosciuta fin dai tempi della Magna Grecia, segue, dopo una carcara, vecchio forno da calce, ed un frutteto, un tratto più selvaggio. Dopo circa un’ora e mezza dal Colle (3 ore - 3 ore e mezza dall’inizio del sentiero) si giunge alle prime case della frazione di Nocelle, m. 428 slm, caratteristica frazione di Positano. Si segue l’evidente stradina principale prima verso O-SO, poi verso Sud e si perviene ad un bivio: a destra si va a Montepertuso, a sin. si trova una piazzetta con Chiesa, da cui si gode un magnifico panorama. È quindi  necessaria una sosta! Poco dopo inizia la scalinata (circa 1700 gradini) che porta sulla S.S. 163 Amalfitana nei pressi di Arienzo. Escursione di tipo E. - Difficoltà: Facile Dislivello: m 590 circa, tutti in discesa con qualche piccola risalita. Tempi stimati: ore 6 circa, l’intero percorso, comprese le soste, ad andatura moderata. Km. lineari: circa 9 su strada, gradoni, sentiero in terra e/o roccioso. Cartografia: Atlante stradale TCI - Tav. topografiche IGM Amalfi - Positano al 25.000 - Carta dei Sentieri Monti Lattari CAI Napoli e Cava dei Tirreni al 30.000 (sentieri n.27 e 31). Abbigliamento e attrezzature consigliati: zaino, borraccia o bottiglia in plastica (con almeno un litro e mezzo di acqua anche minerale, ma non bevande gasate), colazione al sacco, scarponcini leggeri da escursionismo (sconsigliate le scarpette da ginnastica), occhiali da sole, macchina fotografica, binocolo, berretto da sole, pantaloni lunghi, felpa o maglione, giacca a vento, maglietta di cotone a maniche corte, ricambio da fine escursione da lasciare sul pullman.    

Riferimenti bibliografici: Guida rossa o verde del TCI.

Quote          con autobus da Napoli    € 25,00 per i soci

Quote con mezzi propri                      € 10,00 per i soci                                                          

Supplemento non soci                        € 4,00

La quota comprende: trasporto in pullman da Napoli ad Agerola e da Positano a Napoli, l’assistenza delle guide durante il percorso, le assicurazioni per la responsabilità civile.

La quota non comprende: il pranzo, le mance, le spese di carattere personale e tutto quanto non specificato.

Note: Il pullman partirà inderogabilmente cinque minuti dopo l’orario previsto in programma o indicato dal console accompagnatore.

Itinerario: si prosegue per l’autostrada Napoli – Salerno fino al casello di Castellammare di Stabia. Da qui per strada statale fino ad Agerola, dove in piazza Bomerano ci sarà l’incontro con le guide del Club Alpino Italiano. Da qui si prosegue a piedi per una passeggiata di circa 6 ore per la quasi totalità in falsopiano ed ultima parte in discesa a gradinata fino a Positano. Colazione al sacco lungo il percorso. Al termine della visita partenza con il pullman per Napoli con itinerario inverso a quello dell’andata ed in città sosta con discesa al parcheggio di via Brin, all’Hotel Terminus e a piazza Vanvitelli. Rientro previsto entro le ore 19,00.

 

 

Altre informazioni utili: 

Per informazioni e prenotazioni rivolgersi, orario 10,00 – 18,00 dal lunedì al venerdì,  al Punto Touring di Napoli ai numeri suindicati, o inviare un e-mail. 

Le prenotazioni sono aperte e scadono automaticamente sette giorni dopo la loro effettuazione, anche telefonica, se non confermate dal versamento della quota. Il Corpo consolare si riserva in diritto di accettare o meno la prenotazione. Le quote non sono rimborsabili in caso di disdetta (vedi regolamento). 

Per comunicazioni urgenti riguardanti la manifestazione è possibile contattare l’accompagnatore nella giornata della manifestazione telefonando al numero indicato. 

Manifestazione organizzata esclusivamente per i soci TCI e soggetta al regolamento della Commissione Regionale Consoli della Campania. Sono ammessi in via eccezionale i non soci perché possano constatare la qualità e l'interesse delle nostre manifestazioni, e quindi associarsi.

 

Minimo partecipanti con autobus da Napoli 30, massimo partecipanti 50.