Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Roma: Open bike GIMEMA

Roma: Open bike GIMEMA

In occasione dell’evento previsto per il 10 e 11 maggio, Open House Roma e la Fondazione GIMEMA – Franco Mandelli Onlus (Gruppo Italiano Malattie EMatologiche dell’Adulto), in collaborazione con il Touring Club Italiano, il Maxxi e #Salvaiciclisti, presentano Open Bike GIMEMA, due giorni di eventi e tour dedicati alla bicicletta.
 
#openbikegimema. Nei due giorni del 10 e 11 maggio, la Fondazione GIMEMA diventerà, per Open Bike GIMEMA, sede di Open House a due ruote. La bicicletta, più che strumento e veicolo per trascorrere il tempo libero, è oggi considerata l’anti-automobile, un mezzo che sottintende solo valori positivi, condivisi dalla ricerca targata GIMEMA: dinamismo, salute, sostenibilità e ricerca.
 
INIZIATIVE A DUE RUOTE. Due giorni che vedranno un susseguirsi di iniziative dedicate alla bicicletta e ai suoi appassionati, partendo da tour ciclabili fino ad arrivare a lezioni di bike pilates. Previsto per domenica 11 maggio alle ore 10.30 l’Open House Grand Tour, una passeggiata in bicicletta che vuole riunire un ampio numero di ciclisti e appassionati nel tragitto che unisce la ricerca – GIMEMA – alla cultura - il Maxxi – Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo. Appuntamento presso la sede della Fondazione GIMEMA in via Casilina 5. A tutti i partecipanti verrà offerto un ingresso ridotto per una visita al Maxxi nei due giorni di Open House Roma 2014.
 
Per tutti coloro che non hanno un bicicletta propria, durante la giornata di domenica 11 maggio, ci sarà la possibilità di usufruire di un bike sharing gratuito grazie a Bicicletta Italiana, primo network integrato di bike sharing della Capitale.
 
LA FONDAZIONE GIMEMA nasce nel 1982 con il coinvolgimento di un piccolo gruppo di centri di ematologia conseguendo negli anni enormi successi riuscendo a creare un network che ad oggi riunisce i reparti di ematologia dei più importanti ospedali italiani. Ricerca e sperimentazione sono alla base del lavoro della Fondazione, che da anni si impegna per assicurare a tutti i pazienti una diagnosi precisa e sicura, garantire l’impiego di farmaci innovativi troppo spesso non ancora sul mercato permettendo inoltre ai pazienti di essere curati in modo uniforme in tutta Italia così da avere la possibilità di essere seguiti in ospedali vicino casa.