Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • Roma: "Il Monte dei Cocci"

Roma: "Il Monte dei Cocci"

Dove

Indirizzo evento: 
Via Nicola Zabaglia, 24

Quando

Venerdì 20 Ottobre 2017
Ore 11:15

Ritrovo

Ora di ritrovo: 
Ore 11:15 in Via Nicola Zabaglia, 24

Contatti

Organizzatore: 
Corpo Consolare del Lazio - Punto Touring di Roma
Telefono di riferimento: 
0636005281
Fax: 
0636005342
Indirizzo mail: 
libreria.ptroma@touringclub.it
Console accompagnatore: 
Antonello Ghera
Presenza guida: 
Referente: 
Punto Touring di Roma

Il quartiere Testaccio deriva il proprio nome dal Monte dei Cocci, dal latino “testa” che significa per l’appunto coccio.

Il Monte dei Cocci è una collina artificiale di circa 30 metri, ma un tempo era definito il maggiore dei sette colli artificiali: Augusto, Cenci, Citorio, Giordano, Savelli, Secco. Il suo nome lo deve allo straordinario accumulo delle "testae", ovvero i grossi frammenti delle anfore di terracotta usate in età romana nei poderosi horrea, i magazzini della zona. Questo enorme accumulo che si è formato tra i secoli I e III d.c., secondo la mentalità degli antichi, non era un monumento degno di essere ricordato, infatti del Mons Testaceus non si fa menzione per secoli e secoli. Qui venivano ammassati i resti delle anfore che giungevano al porto fluviale dell’antica Roma, l’Emporium, sui battelli contenenti derrate alimentari. Per questo si formò il Monte dei Cocci, una grande discarica di anfore usate, poi divenuto una straordinaria miniera di dati per la storia economica dell’Impero Romano. I resti dell’Emporium, oggi visibili, mostrano quello che doveva essere un esteso molo costituito da una serie di ambienti/magazzini disposti su tre piani e da una banchina lunga circa 500 metri e profonda 90. Qui si svolgevano le attività di scarico e smistamento delle merci. Un lungo muro, infine, era attrezzato con pietre d’ormeggio per il fissaggio delle gomene. Addossato all’Emporium risultava un antico muraglione che delimitava un’altra serie di magazzini, gli Horrea, coperti a volta ed aperti verso il quartiere Testaccio. Tutto questo complesso è databile all’incirca al I secolo d. C., senza escludere successivi interventi. 

 

NOTE INFORMATIVE:  

Modalità di prenotazione | Ci si può prenotare telefonando allo 06-36005281 oppure scrivendo un'email a libreria.ptroma@touringclub.it e per aderire è necessario comunicare i dati del Socio e il recapito telefonico.

Modalità di pagamento | Le quote delle visite prenotate devono essere versate esclusivamente c/o il Punto Touring di Roma in Piazza Ss. Apostoli 62/65 ENTRO SETTE GIORNI SUCCESSIVI ALLA DATA DI PRENOTAZIONE. I Soci possono inoltre pagare mediante autorizzazione al prelievo da carta di credito (che verrà effettuato al momento della prenotazione) inviando una comunicazione scritta via mail o fax al Punto Touring, oppure con bonifico bancario intestato a Touring Servizi Srl alle seguenti coordinate bancarie: Banca UBI codice Iban IT 42 W 03111 01646 0000 0003 5089 specificando la visita guidata e inviando la fotocopia del versamento al numero di fax 06-36005342 oppure via email all'indirizzo libreria.ptroma@touringclub.it  

Modalità di annullamento | Per motivi fiscali le eventuali disdette di visite giornaliere o di mezza giornata, non danno diritto ad alcun rimborso. Si potrà procedere al rimborso qualora la disdetta venga comunicata CON TRE GIORNI DI ANTICIPO e ci siano le premesse per una eventuale sostituzione (lista di attesa). In caso di annullamento della visita guidata le quote verranno rimborsate entro e non oltre 30 giorni dalla data dell’evento (qualora il pagamento fosse stato effettuato tramite bonifico, è necessario comunicare il proprio IBAN per ottenere il rimborso).

 

 

Altre informazioni utili: 

Quote:     
Socio e accompagnatore: € 9,00          Non Socio: € 12,00

Biglietto di ingresso: € 4,00 (da pagare in loco)

Sistema di amplificazione: € 1,50 (da pagare in loco)

In collaborazione con: 

Vantaggio per i Soci

Quota socio ridotta