Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • >
  • Reggio Calabria - Visita Tci alla Mostra - Nomisma, Reggio e le sue monete - al MArRC

Reggio Calabria - Visita Tci alla Mostra - Nomisma, Reggio e le sue monete - al MArRC

Reggio Calabria - Visita Tci alla Mostra Nomisma, Reggio e le monete al Museo archeologico Nazionale di Reggio Calabria, accompagnati dal prof. Castrizio .

E’ stata inaugurata il 22 dicembre presso il MArRC di Reggio Calabria la mostra “Nomisma. Reggio e le sue monete” a cura di Carmelo C. Malacrino e Daniele Castrizio. La mostra che sarà fruibile fino al 31 marzo,  è stata patrocinata attraverso il Dipartimento di Civiltà antiche e moderne.
 
Rileggere 2000 anni di storia attraverso lo studio delle monete antiche, nata per offrire un ulteriore e prezioso spunto storico ai visitatori e turisti. Si tratta di una raccolta che parte dalla fondazione delle colonie della Magna Grecia in Calabria e Sicilia, tra il quinto e sesto secolo avanti Cristo, arrivando fino alle influenze arabe e bizantine del 1400.
La mostra è curata dall’archeologo Daniele Castrizio, docente di numismatica all’università degli studi di Messina e dallo stesso direttore del museo Carmelo Malacrino

Grazie ai molti rinvenimenti archeologici nel ‘900 in più punti della città di Reggio, è tornata alla luce una ricca e variegata collezione di monete d’oro, d’argento e di bronzo che ripercorrono la millenaria storia di questo territorio. 
Dai primi rapporti con le altre colonie greche e con la madre patria, ai numerosi contatti commerciali con i Cartaginesi e gli Egizi, al forte legame con la Roma repubblicana e imperiale, testimoniato dalla fedeltà nel corso delle guerre puniche e poi con i più grandi imperatori romani: Cesare, Augusto, Tiberio, Claudio, Nerone, Vespasiano, Tito, Costantino. 
Interessante anche la raccolta di monete durante la difficile transizione dalla caduta dell’impero d’occidente e i nuovi legami con Costantinopoli, i conflitti per la difesa dello Stretto con l’impero Ottomano
Reggio Calabria ha mantenuto sempre un ruolo strategico nell’instabile equilibrio politico e militare fino al 1400, ultimo periodo in un cui la città mantenne una propria zecca di stato per la battitura delle monete.